19. Cita-un-libro-3, #ioleggoperché

Ed ecco che di nuovo è domenica.
La settimana si è arrotolata su se stessa avvolgendosi stretta stretta, e i frammenti di libro lanciati nel calderone del gioco si sono mescolati con frammenti di vita, con le cose di tutti i giorni.
Salire sul podio è stato bello, perché è bello percorrere strade che intersecano quelle altrui, perché dietro la scelta di un libro c’è un pochino della nostra storia, perché ho incontrato libri apprezzati, amati, dimenticati, da rileggere, da scoprire.
Scegliere non è stato facile, oltre ai giganti (Dante, Einstein, ma anche Calvino) ho ritrovato volumi che hanno segnato la mia vita, e quelle di molti di voi (Il buio oltre la siepe, Il Maestro e MargheritaOrgoglio e Pregiudizio, L’antologia di Spoon river, Il Signore degli anelli, Una questione privata) e ogni volta ero tentata di dire ecco qui, ci siamo.
Indecisa, ne ho provate diverse. Formule, conte, algoritmi.
Ma nessuno sembrava funzionare per benino.

Avevo in mente anche un gioco di porte virtuali che si aprivano, un po’ come quelle del problema di Monty Hall, solo che invece di capre venivano fuori, comunque, libri.
In effetti, a un certo punto mi sono accorta che ci stavo solo girando in tondo.

E allora, veniamo al dunque. Il terzo e il secondo posto questa settimana vanno rispettivamente alla Noise e a Iome, perché hanno declinato #ioleggoperché a modo loro, e attorno alla grande girandola delle citazioni hanno costruito un progetto personale. Il primo posto va però a Murasaki, con Le Onde, perché le calzette bianche di Susan hanno continuato a seguirmi per tutta la settimana, finché venerdì, verso sera, non sono entrate in risonanza con queste righe qui:

19

(ioleggoperché)

Perché a volte leggendo nascono domande, e leggendo si trovano risposte. Perché così si è chiuso un piccolo anello di una catena che è anche divertimento e piacere di scoprire e continuare a leggere.
Il gioco quindi continua da Murasaki, ricordando le regole, e ringraziando tutti quelli che hanno partecipato – rigorosamente in ordine di apparizione: Iome, Ogginientedinuovo, Connie, Economa, ‘PovnaPensierini, VivianaNoisetteTuttoTaceWolkerinaBridigalaAmmennicoliSpersaAlicelandWild HorseDolcezzedimamma,  MurasakiUnSassoVerticale, e la BiondaProf, che speriamo la prossima volta si ricordi dei link 🙂

(Però. E se dessimo ogni settimana un tema? ‘Povna, che dici?)

Addendum. Mi è venuto il dubbio che qualcuno non lo conosca, nonostante il tratto inconfondibile. Dunque: le immagini vengono da xkcd (a  webcomic of romance, sarcasm, math, and language, di Randall Munroe, uno che ha lasciato la NASA per disegnare)

Addendum #2 –  le nuove regole:

1. La domenica, tra le 0.00 e le 23.59 si va sul wall di #ioleggoperché, si sceglie un post-it di citazione e si pubblica sul proprio blog, inserendo nel post il link al portale di #ioleggoperché;
2. Si segnala la pubblicazione sul post del giudice;
3. Durante la settimana si partecipa, se si vuole, alla discussione che (auspicabilmente) da quelle citazioni sarà indotta;
4. Il sabato sera o la domenica successiva, a scelta, il giudice, insieme alla nuova citazione, pubblicherà la classifica delle prime tre citazioni, motivandole;
5. Il giudice stesso passerà dal blog della citazione vincitrice a lasciare il testimone; per far ricominciare il gioco;
6. Il nuovo giudice pubblicherà la sua citazione e il suo post, assegnando eventualmente un tema per le nuove citazioni settimanali;
7. I giocatori possono anche decidere di non seguire il tema: saranno ugualmente partecipanti a Cita-un-libro, ma non potranno concorrere alla vittoria della settimana.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

30 risposte a 19. Cita-un-libro-3, #ioleggoperché

  1. 'povna ha detto:

    Bellissima scelta, in un giro che ho trovato, se possibile, pure più difficile del primo. L’idea del tema mi piace molto. Anche se dall’altro lato sia mi piace la citazione libera, specchio di una scelta, sia temo che possa disincentivare. Proposta: e se iniziassimo a rendere la scelta del tema una delle possibilità del reggitore della settimana, anche se non obbligatoria?
    Grazie intanto, e ora aspettiamo Murasaki.

    Ps. Ti è piaciuto Niente? (Sull’Amica poi mi fai sapere, vero?)

    • ellegio ha detto:

      Il tema non obbligatorio potrebbe essere un buon compromesso. Niente per il momento è in affido, per un gioco di scambi con mia madre – che, avendo più tempo di me, macina più in fretta. E anche perché forse mi serve un periodo più soft di questo per non aggiungere cupezza alla cupezza 🙂
      L’Amica, per ora pieni voti.

      • 'povna ha detto:

        Sì. Facciamo così anche con la mia, di mamma. Compromesso venduto, allora. Se tu riesci a passare da Murasaki per avvertirla io poi aggiorno le regole del post iniziale, ma non sarà prima si un treno e una piscina, dunque tra un po’.

        • ellegio ha detto:

          Ok! E buona piscina.

          • 'povna ha detto:

            Grazie! (Gran goduria, vasca semivuota e ingresso gratis per scusarsi di un disservizio di tre settimane fa).

            Per il tema, nella fretta di correre a prendere il treno mi ero spiegata male, ti riporto qui come la metterei nelle regole e come ho scritto da Murasaki:

            1) il reggitore della settimana può scegliere un tema della settimana. In quel caso, chi gareggia per vincere deve attenersi al tema del reggitore, altrimenti è presente, ma fuori concorso.

            2) è escluso dal seguire il tema solo il giudice della settimana precedente, cioè colui che nomina il reggitore della successiva, per ovvi motivi di successione temporale.

  2. pensierini ha detto:

    Ottima la scelta e divertente la sua presentazione! 🙂

  3. wild horse ha detto:

    Ottima scelta, credo che le motivazioni per le citazioni siano davvero sempre più varie e articolate, ma non c’è dubbio che in ognuna di esse non possiamo fare a meno di mettere un pezzettino di noi stessi.
    E comunque è bello accorgersi di aspettare la domenica per ricominciare il gioco e ripartire con una nuova citazione e nello stesso tempo andare a scoprire quelle degli altri.
    Grazie LGO per questa settimana, ora per sette giorni si trasloca da Murasaki, un caro saluto a tutti per questa domenica!

  4. tuttotace ha detto:

    Credo che scegliere sia davvero complesso, mi hai fatto sorridere con il tuo post. Io sto cercando di seguire un tema ma se ne viene deciso uno per tutti ancora meglio.

  5. 'povna ha detto:

    ATTENZIONE, copio qui sotto quanto ho deciso dopo le varianti di Murasaki alle regole, con preghiera a LGO eventualmente di portare questa parte nel post e a tutti di leggere e seguire.

    Compromesso, dunque:
    NOVITA’
    Il vincitore può essere proclamato anche di sabato sera.
    Il vincitore poi il sabato stesso o la domenica sceglierà il tema della settimana successiva, e sarà lui stesso a giudicarlo il fine settimana dopo.
    Se il giudice sceglie il tema e non ci si attiene SI RESTA fuori concorso (eventualmente, si possono avere menzioni speciali, ma il vincitore e futuro giudice DEVE essere tra le citazioni a tema).

  6. 'povna ha detto:

    Ecco il testo definitivo cambiato

    1. La domenica, tra le 0.00 e le 23.59 si va sul wall di #ioleggoperché, si sceglie un post-it di citazione e si pubblica sul proprio blog, inserendo nel post il link al portale di #ioleggoperché;
    2. Si segnala la pubblicazione sul post del giudice;
    3. Durante la settimana si partecipa, se si vuole, alla discussione che (auspicabilmente) da quelle citazioni sarà indotta;
    4. Il sabato sera o la domenica successiva, a scelta, il giudice, insieme alla nuova citazione, pubblicherà la classifica delle prime tre citazioni, motivandole;
    5. Il giudice stesso passerà dal blog della citazione vincitrice a lasciare il testimone; per far ricominciare il gioco;
    6. Il nuovo giudice pubblicherà la sua citazione e il suo post, assegnando eventualmente un tema per le nuove citazioni settimanali;
    7. I giocatori possono anche decidere di non seguire il tema: saranno ugualmente partecipanti a Cita-un-libro, ma non potranno concorrere alla vittoria della settimana.

  7. lanoisette ha detto:

    *inchino*
    e ringrazio salutando con la manina per il terzo posto del podio. il bronzo è un colore che mi si addice molto.
    ora vado da Murasaki.

  8. Pingback: Cita-un-libro #ioleggoperché 3 | Slumberland

  9. roceresale ha detto:

    Sento che sbaglierò qualcosa. Ma ci provo.

  10. Pingback: CITA UN LIBRO #IOLEGGOPERCHÈ/3 | Io, me e me stessa - Historia de una mujer

  11. iomemestessa ha detto:

    Grazie signor giudice. Dal podio saluto, e ci vediamo di là.

  12. Pingback: #ioleggoperché – cita-un-libro- #3 | TuttoTace

  13. tuttotace ha detto:

    Bello il podio e bellissima la tua citazione, come mi piace!!! Sì, così, con entusiasmo.

  14. resto a guardare, un po’ contento perché i fine settimana si stanno riempiendo di cose belle e lontano dalla rete.
    randall munroe è geniale. se non l’hai già letto, ti consiglio di gustarti “what if?”, un piccolo capolavoro per chi ama il (suo) genere.

I commenti sono chiusi.