ci vuole poco

Vanno molto le passeggiate, in questo periodo. Il giovane Otto caccia Pokemon fino allo sfinimento (suo, e di quelli che devono sorbirsi le mirabolanti descrizioni delle sue conquiste), quindi accoglie con entusiasmo tutte le proposte di andare a piedi di qua o di là. Oggi abbiamo provato per la seconda volta il tragitto da casa alla nuova scuola – all’andata con il cronometro, al ritorno con la spesa fatta nel vicino mercato. Pessima idea, eh, decidere di comprare anche un cocomero intero, se ti si rompe anche la busta della spesa.
Però il pane era buono.
– Lo vuole provare questo grano antico?
– Ma sì, perché no?
– E’ Senatore Cappelli.
Devo aver avuto una espressione vagamente vuota, tanto che il tizio si è sentito in dovere di ripetere.

E io mi sono sentita in dovere di cercare ‘sta cosa appena tornata a casa, ed ho trovato un vecchio post di Dario Bressanini, molto gustoso. Son cose che a volte fanno una giornata.

Mi sono goduta qualche ora di lettura pigrissima in un pomeriggio di caldo ancora estivissimo. Merito di un brutto libro comprato distrattamente un mese fa se ho poi azzeccato la vena giusta: mi sto rifacendo.

Ecco, vorrei avere un paio di giornate così al mese, tutto l’anno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in iononsocomebloggo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 risposte a ci vuole poco

  1. 'povna ha detto:

    Ma il giovane cambia scuola? O anche tu cambi scuola? Anche io ieri ho ceduto alla pigrizia e come un gatto sono uscita ed entrata di casa per micro passeggiate, dedicando giovevole tempo a me, alla preparazione di una crema di carote e zenzero, al ripasso dei testi di un Reading che organizziamo oggi sul mare al tramonto e alla fine di Un dio in rovina di Kate Atkinson, che ti consiglio. Posso chiederti i tuoi, di titoli estivi?
    E, sì, ce ne vorranno due al mese, di giornate così. E il passaggio dal condizionale all’indicativo è uno dei motti del nuovo anno a scuola.

    • ellegio ha detto:

      Il giovane va in prima media 🙂 Io ho meditato a lungo, ma avevo classi che avrei lasciato con dispiacere.
      Vada per l’indicativo. Sui titoli, se riesco, un post.

  2. roceresale ha detto:

    ah, le farine del senatore Cappelli. Buttate anche, per via delle farfalline. Buon inizio!

  3. ildiariodimurasaki ha detto:

    Io sono d’accordissimo con la povna, soprattutto per l’indicativo!

  4. ma che meraviglia la storia di strampelli!

I commenti sono chiusi.