Ma n’era mejo Ostia? (cit.)

Siamo a casa. Che suona un po’ come siamo al sicuro, ma poi se uno si sveglia alle tre di notte nel bel mezzo di una caccia all’uomo nel cortile di casa, ecco, in fondo tanto sicuro non è  (l’isolato tutto al buio, cinque volanti parcheggiate tutt’intorno, e un numero imprecisato di poliziotti con le torce che inseguivano un ladro abile scalatore. Dopo un po’ i vecchietti dei palazzi qui intorno, che sbirciavano da dietro le imposte con le loro lucine portatili, si sono fatti coraggio. E a quel punto nessuno ha capito più niente: è andato di qua, no è passato di là, a signo’ me la trova ‘na scala, Arma’ di qui io nun ce passo, sta sotto l’albero, no sta sopra il terrazzo…)

La luce è tornata dopo quasi dodici ore, quando stavamo meditando su cosa fare della spesa fatta appena tornati dal viaggio e conservata nel frigorifero. Frigo appena sbrinato e pulito, dopo aver buttato tutto quello che conteneva il congelatore, purtroppo pieno, per incauta gestione degli interruttori della luce in nostra assenza. La prossima volta, quando chiedo a mia mamma di venire ad annaffiare le piante, devo ricordarmi di spiegarle la faccenda dell’InterruttoreIntelligente…

E così sono partita dalla fine.

L’inizio è iniziato il 15 luglio scorso alle 13:00, quando mi sono congedata daGliSfigati, dispensando i miei buoni consigli e i miei recapiti (prof, ma non è meglio se ci uozzappiamo?)  in caso di panico agostano pre-esame, e sono passata a salutare il Grande Capo.
– Allora parte, professoressa?
– Sì, mio marito è in ferie da due giorni…
– E che programmi avete?
– Bah, pensavamo Grecia del nord e Turchia. Lui vorrebbe arrivare a Istanbul passando per Sofia, io vorrei tornare passando per Troia…
Il GrandeCapo strabuzza gli occhi, ma non commenta.

Questo era la mattina prima di partire. Nel corso della serata abbiamo rivisto il piano e fatto i bagagli.
Poche ore dopo, eravamo prigionieri nella NaveFantasma.

 

ostiazc

 (da qui)

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ma n’era mejo Ostia? (cit.)

  1. pensierini ha detto:

    bentornata 🙂

I commenti sono chiusi.