Non si incastra

Io, in effetti, ero pronta a correggere dalle 7:45, ma ho iniziato solo poco prima delle 9. Colpa dei ritardi – chi ha le chiavi, chi non ha le chiavi, dove sono le chiavi, giuro che le avevo epperché non le ho più – colpa delle decisioni da prendere, colpa di una mastodontica colazione ordinata da chissà chi.

E l’avevo detto che sono lenta.  A mezzogiorno, avevo corretto sei compiti. La collega di scienze, che mi faceva da spalla, mi aggiornava sulla situazione.
– Italiano ha già finito la prima classe.
– Cosa?!?
– Eh. Italiano è veloce, si legge, propone il voto, è fatta.

Se lo faceva per sostenermi, missione fallita: mi sono vieppiù depressa. Con tutti quei cornetti traboccanti di crema, poi.

Abbiamo però vissuto dei bei momenti, bisogna dirlo. A un certo punto, mi è presa una ridarella irrefrenabile. Un anno speso a cercare di insegnare ai virgulti a motivare in modo sensato quello che scrivono, e il risultato sono certe perle che levati. Se metti degli esagoni vicini, prof, abbia pazienza, non si incastrano. Mi resta questo interrogativo spaventoso, sul perché uno, potendo scegliere, finisce sempre per fare la scelta peggiore. Avendo dieci domande a cui rispondere, pensa di cavarsela puntando dritto a quello che sa peggio. Mettiamola così: almeno mi posso beare di aver avuto la classe che si è comportata meglio nella scuola, quella che più docilmente ha sopportato la sorveglianza feroce, ma se speravo in un miracolo non l’ho avuto, e i compiti perfetti sono appena una manciata.

Lode alla griglia di correzione del ministero, comunque, che è in grado di trasformare un compito decisamente insufficiente in un dignitoso 10/15.

Alle quattro di pomeriggio si affaccia la bidella
– Ehi, quando ve ne andate? Noi siamo stanchi…
– …

Vabbe’, alle cinque ci hanno cacciato. Per strada, insieme a milioni di romani in fregola, istericamente in cerca di un televisore.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Non si incastra

  1. pensierini ha detto:

    Non si incastrano???

  2. pensierini ha detto:

    P.S. dove l’avete trovata, la griglia del ministero?

  3. melchisedec ha detto:

    Non mi pare che esista per la prova d’italiano. Forse l’Invalsi ne propone una, ma non c’è un pronunciamento del MIUR. O sono in errore?

  4. LaProfe ha detto:

    L’Invalsi cede le sue griglie di correzione dopo il mezzogiorno del giorno della prova. E meno male, perché a certe domande noi avremmo risposto in altro modo.
    In compenso, quest’anno le percentuali Invalsi sono state talmente lasse che abbiamo avuto persino un dieci, e gente che doveva (dovrebbe) rimanersene in terza media, verrà nelle vostre scuole forse proprio grazie all’Invalsi che porterà la media a un 5,57, obbligatoriamente trasformato in 6, e quindi via libera a persone che si sono prese un 4 in matematica secco.
    Quanto a quella di italiano che legge, propone il voto, ed è fatta, mi piacerebbe conoscerla…

I commenti sono chiusi.