Dice che

Dice che sa organizzarsi in autonomia per svolgere i compiti; dice che partecipa alle lezioni in modo sempre interessato,  gestisce il lavoro in tempi congrui. Dice che è di poche parole ma efficace, incisivo e arguto negli interventi, si mostra capace e competente in ogni attività, eccellendo negli argomenti che implicano astrazioni, categorizzazioni, connessioni logiche. Dice che è ricercato per la sua simpatia, per la vivacità – che deve imparare a contenere meglio – insomma per la ricchezza di stimoli che sa offrire come compagno di giochi e di studio.

Dice che il problema è tutto lì. Sapersi contenere. Saper aspettare.

D’altra parte è quello che aveva chiesto sconsolato P, il giovane e  simpatico maestro d’inglese. Il mid term test, non c’è niente da dire. 100%. Neanche un errore. Ma quando finisce il suo lavoro non deve distrarsi, né distrarre gli altri.

Ragion per cui è stato adeguatamente cazziato davanti alla pagella, anche se io ne ho viste poche di così belle.

D’altra parte suo padre era uguale, e la maestra lo mandava in corridoio per fare lezione in pace agli altri. Si narra che una volta, mentre si annoiava, decidesse di sperimentare i moti turbolenti (perché soffiando piano piano l’aria esce senza rumore? mentre se mi gonfio di aria, guarda così, mi riempio, ecco, tutta quest’aria, un piccolo pertugio …) producendo la più spettacolare e sonora delle pernacchie. Degna di Gargantua.
Zero in condotta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Dice che

  1. laProfe ha detto:

    Sì, hmmm, dovrei fare una bella predica a questo virgulto che a volte disturba, ma quando ho letto “eccellendo negli argomenti che implicano astrazioni, categorizzazioni, connessioni logiche” sono caduta in deliquio e ho fatto domanda di trasferimento nella sua classe…

  2. bianconerogrigio ha detto:

    Contenersi, contenersi … come si fa quando i pensieri ti scappano da tutte le parti.

  3. pensierini ha detto:

    Che grande piccolo uomo! E tu, madre degenere e incontentabile, lo sgridi pure… 🙂

I commenti sono chiusi.