ottantuno

Cinque paia di mutande, dieci calzini, cinque magliette, e poi qualche paio di jeans, lenzuola, la felpa di Darth Vader e un paio di asciugamani: fatto sta che dall’ultima lavatrice sono uscite ottantuno cose, e sì, mi sono messa a contarle, e no, forse non è sano ma l’ho fatto lo stesso.   E pioveva.

E vabbe’, no, non sono state belle  vacanze riposanti, più che altro non sono state molto vacanze, e poi la sola idea che la prossima pausa sarà ad aprile mi fa un po’ venire la nausea, e allora ho preso un foglio e una penna stilo blu, e cominciato a scrivere quello che dovrei fare ogni giorno, le cose di casa, stirare un quarto d’ora, il sito della scuola, il libro, il corso di qua, il corso di là, essere paziente con i figli, buttare i file vecchi, mettere in ordine lo studio, ascoltare il marito quando parla, e anche quando suona, e andavo avanti e avanti e avanti e non finiva più.

E allora siamo andati a vedere i mostri, un modo alternativo di consumare la nostra razione quotidiana di magliette e mutande e calzini, e però quando ho chiesto quale mostro sarebbe più spaventoso incontrare davvero, se una sirena col volto incantevole e il corpo goffo di un banale piccione, un leontocefalo inanellato, una gorgone dalle zanne di cinghiale o un’orrida chimera, nessuno mi ha risposto.

Magari ci stanno ancora pensando.

centauro

 

(e però, se domani mattina mi imbattessi  in un centauro bassotto e gentile, con le cosciotte grasse e la voce suadente, chissà…)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a ottantuno

  1. the pellons' ha detto:

    Anche io stavo pensando che dovrei fare l’elenco delle cose quotidiane da fare, includendo almeno mezzora di pianoforte e mezzora di relax e letture piacevoli e scrivere articoli e studiare e poi e poi… Minchia,

  2. ilcomizietto ha detto:

    Devo assolutamente contare la biancheria della lavatrice. Non ci ho mai pensato. So per certo che ieri ho fatto due lavatrici con 4 capi dentro. Erano le lenzuola nuove che puzzavano di plastica che neanche un’azienda chimica.

    • ilcomizietto ha detto:

      Oggi sono arrivato a 20. Ma che lavatrice hai per arrivare ad 81? O sono solo calzini e mutande?

      • ellegio ha detto:

        Calzini e mutande fanno la loro bella parte, lo ammetto. Dici la marca? Mica mi vorrai mettere in difficoltà?!? Che poi si pensa che non sono una vera donna, se non conosco la marca della mia lavatrice.

    • ellegio ha detto:

      Il lenzuolo che puzza di plastica è peggio delle piaghe d’Egitto. Se poi anche la consistenza è plasticosa non te la cavi mica con una lavatrice sola 🙂

      • ilcomizietto ha detto:

        No, no, compro roba buona, in cotone. Solo che la confezionano in buste di plasticaccia. Una lavata a 30° e tutto torna a posto. Della lavatrice intendevo la capacità in kg, non la marca. Comunque non sono normale:
        http://ilcomizietto.wordpress.com/2011/09/22/lg-f1056nd-2/

        • ellegio ha detto:

          Ah. 6 kg. E’ una Rex-Electrolux LI1200E, ho controllato. Silenziosa, quando finisce nessun jingle fastidioso, solo un paio di beep 🙂 Se la programmo in modo che finisca verso le sei e mezza di mattina, non mi sveglia prima del dovuto, nonostante tra lei e il mio cuscino ci sia solo una parete (oddio, mi sa che quello è un muro portante, in ogni caso non la sento).

  3. pensierini ha detto:

    Scusa, ma la sirena non ha il corpo da pesce? Boh, non erano le arpie, quelle col corpo da uccello? Che bello stare a Roma, vicino ad un sacco di mostre (e mostri).

I commenti sono chiusi.