(uguale)

Tornando a piedi in ufficio, A. rifletteva in maniera vaga. Lui non rifletteva mai a fondo. Non aveva mai capito cosa accadesse quando le persone si prendevano la testa tra le mani e dicevano: “Su, riflettiamo”. Quel che si ordiva nel loro cervello, come facessero per organizzare idee precise, indurre, dedurre e concludere, era per lui un assoluto mistero.

Constatava che ciò produceva risultati innegabili, che dopo quelle operazioni le persone compivano scelte e pensava ammirato che a lui mancasse qualcosa. Ma quando lui stesso lo faceva, quando si sedeva e si diceva “Riflettiamo”, nella sua testa non succedeva niente. Anzi, era proprio in quei momenti che lui conosceva il nulla.

A. non si accorgeva mai di riflettere e, se gli capitava di rendersene conto, subito la cosa si bloccava. Perciò tutte le sue idee, tutti i suoi propositi e tutte le sue decisioni, non sapeva mai da dove venissero. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a (uguale)

  1. ogginientedinuovo ha detto:

    Sembra il commissario Adamsberg. Se rifletti come lui, arriverai di sicuro alla verità, in senso lato presumo: tu non indaghi su omicidi, vero?

    • ellegio ha detto:

      Non “sembra”, E’!
      (una volta, quando ero ggiovane, avevo pensato a una bella trama per un omicidio all’università, che era un bel covo di vipere. Certo che pure a scuola materiale ce ne sarebbe. Però no, era semplicemente per celebrare l’agnizione)

  2. Anonimo SQ ha detto:

    Eh ?

    Anonimo SQ

  3. aliceland ha detto:

    cito Anonimo SQ e ne approfitto per dirti che sei stata nominata, passa a vedere…

  4. LaProfe ha detto:

    Grande uomo, Adamsberg.
    Ma certe volte mi sento più Danglard 😉

    • ornella ha detto:

      Che ne sarebbe di Adamsberg senza un Danglard a guardargli le spalle ?
      Comunque mi aggrego a AnonimoSQ, se non altro per solidarietà familiare.

  5. the pellons' ha detto:

    Io lo amo, Adamsberg, e si sa. Mis a che ho fatto un figlio uguale. E comunque anche io di me medesima, se mi dicono su pensa, il nulla. Deve venir da sè. Tutto.

  6. Ilaria ha detto:

    A me sembrava Winnie the Phoo…

I commenti sono chiusi.