Tipi, in ordine sparso

– Prof, cosa devo rispondere?
– Qual è la domanda?
– Se so usare il foglio di calcolo.
– Eh, diciamo che potresti rispondere sì, se lo sai usare, oppure no, se non l’hai mai usato.
– Ma io sono sicuro che se mi ci metto imparo subito. Anche in dieci-venti minuti.
– Be’, è una bella cosa. Però nessuno sta mettendo in dubbio le tue capacità, sai. Devi solo dire se ora lo sai usare oppure no.
– Ah, vabbe’.

***

– Prof, le sono mancata, vero?
– Sì, un po’ mi sei mancata.
– Davvero prof?!?
– Davvero.

***

– Prof, ho fatto delle vacanze bellissime. Ho visto un acceleratore e letto un libro di fisica.
– Sei anche andato al mare? Hai fatto il bagno? Oppure, hai scalato una montagna? Passeggiato in campagna?
– Ho fatto tutto.
– Allora, cominciamo.

***

– Prof, non vorrà mica fare lezione?
– Ah, no?
– Prof, è il primo giorno! Ed è già mezzogiorno.
– Ok, ma abbiamo due ore e abbiamo già fatto amicizia due anni fa.
– Va bene, ma piano.

***

L’anno scolastico ormai è cominciato.
Il piccolo ha tre maestre nuove, di cui una si chiama come sua sorella, insegna scienze ed è andata in vacanza dove siamo andati noi. Ci sono già due feste di compleanno in vista, e siamo arrivati alla tabellina del 15.
GG va e torna da sola dal terzo giorno. Ha comprato materiale per la scuola per decine e decine di euro, libri esclusi: ogni giorno una lista nuova. Ha già fatto un tema, scritto con la matita multicolore. Invece del bianchetto, ha usato etichette adesive per coprire le parole sbagliate. Le ho detto di riscriverlo. Ha fatto vedere alla nuova prof entrambe le versioni, e la prof si è fatta consegnare quella a colori, guadagnando qualche centinaio di punti.
La grande è al liceo e uozzappa tutto il giorno. Stamattina si è svegliata alle 6 e mezza e si è messa a fare i compiti. Alle 7 e dieci il coso ha cominciato a vibrare per il primo messaggino della giornata. Cioè, io fino a venticinque anni riuscivo a dormire anche fino a mezzogiorno…
Io dovrei fare tre esami entro la fine del mese, ma oltre i test d’ingresso, le griglie nuove, la programmazione da rifare, il pof… i figli si ostinano a voler mangiare tutti i giorni e ad andare in giro con le mutande pulite.

Mafalda11

Ieri sera faceva freddino.
Ma che tristezza la copertina.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Tipi, in ordine sparso

  1. fughetta ha detto:

    mammamia, la grande va gia` al liceo?
    Comunque leggo sempre, anche se commento mai

  2. the pellons' ha detto:

    Ma pensa, che abitudini strane hanno i figli. Eh.

  3. bianconerogrigio ha detto:

    Nero, nero … dove sono finiti gli splendidi tramonti romani?

  4. vista l’ora della prima uotsappata, è probabile che fosse il Mio Grande a scriverle…

  5. ornella ha detto:

    Viva Mafalda….

  6. LaVostraProf ha detto:

    Io adoro la Grande. Mio figlio, che in prima si svegliava alle sei meno un quarto per riuscire a prendere il treno delle 7 e 5, ora si sveglia alle sette meno un quarto.
    E il treno è lo stesso.
    E ora che ci penso, anche a me piacerebbe un tema multicolore 🙂

  7. roceresale ha detto:

    Prooof.
    Cosa?
    Ma durante le ore di lezione si puo’ andare al bar? No perché alcuni di voi prof han detto di no.

I commenti sono chiusi.