Dar l’offa all’affamato

Ho aperto un altro blog. La cosa è buffa, perché ieri cercavo un roba sul gugol, e ho ritrovato qualcosa da me scritto quattro anni fa, e completamente dimenticato. Chissà quanti detriti ho sparso per la rete, dovrebbero far pagare una multa salata quelli che si abbandonano all’eccitazione del momento e in quattro e quattr’otto si fanno un altro account.

Insomma, l’idea era dar l’offa ai cerberi cuccioli, che ormai si sono gasati – essi hanno ricevuto complimenti e omaggi, e, passato il primo trimestre di Terrore Da Liceo, ora volteggiano a cinque centimetri da terra. Sono tutto un Facciamo, Possiamo, Andiamo.

– Ma tipo, prof, che se vogliamo fare un esperimento qualsiasi e ci facciamo un video lo possiamo pubblicare?

– Ehm. Escluderei i test sull’infiammabilità della coda del gatto della nonna. Ricordate che Io Sono Il Capo, e devo controllare.

Negli occhietti brillanti si spengono alcune lucine. Altre se ne accendono, invece – li vedi che già sanno da un pezzo che un sacco di cose si possono fare anche senza raccontarlo in giro.

– E, per esempio, un esperimento sui danni prodotti dai cellulari?

– Ehm. Ma una cosa più abbordabile no?

– Eh, prof, i cellulari fanno tanto male a noi ragazzi!  Io ho visto che se si mette un uovo crudo tra due cellulari accesi e lo si lascia lì per un’ora, l’uovo diventa sodo.

Sguardi ammirato dai compagni. Dove? Come? Davvero?!?!

E tutti a chiedere se possono accendere l’icoso per controllare.

Boh. A volte è faticoso fare la prof.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in iononsocomebloggo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dar l’offa all’affamato

  1. LaVostraProf ha detto:

    Chiedo una sospensione delle multe, perché dovrei fare un altro mutuo (ogni tanto scopro un vecchio indirizzo mail, o una prova di blog, o cose così…).
    Comunque, ‘un c’entra, ma mi è venuto in mente: “offelé, fa’ ‘l tò masté”

    (se l’esperimento dei cellulari funziona, comunicalo, grazie!)

  2. bianconerogrigio ha detto:

    Ricordo quando scoperto che il primo voltmetro elettronico in dotazione, messo in corto in ingresso e azzerato, produceva valori casuali e organizzata una lotteria clandestina scolastica ricevemmo la visita della guardia di finanza … Ormai non ricordo più quello che ho sparpagliato nella rete 😦 Sarà l’età?

  3. laGattaGennara ha detto:

    Ci siamo trovate, quaddentro

  4. pensierini ha detto:

    Ma a volte è anche divertente! 😉

  5. mio figlio ha la fortuna di avere una prof come te e l’adora. credo siate un regalo, sai?

I commenti sono chiusi.