Oggi è sabato (ma anche no)

– Ormai ti sei ammalato. Lo sai come si chiama la tua malattia, sì? Logorrea, si chiama.
– ?
– Sì, vuol dire che non riesci a tenerti dentro la testa neanche una parola, e a furia di parlare non riesci a fare nient’altro. Come la sera, quando vieni a chiedermi se devi mettere a lavare i vestiti che hai addosso, e intanto mi dici altre mille cose, e così me lo devi chiedere ancora e ancora perché parli sempre e non ascolti mai le risposte degli altri. Ma a scuola come diavolo fai?
– Sto attento.
– Bah.
– Ora mi dai 50 centesimi?
– Che ci devi fare?
– Una partita a biliardino.
– E con chi, scusa?
– Con te, no ?!?
– Ma io stavo preparando delle cose per domani, lo vedi che mi sono portata il quaderno giallo. E poi il biliardino è chiuso.
– …
– Non fare il muso, e smetti di sbattere i piedi per terra, ché non è colpa mia se l’hanno chiuso.
– …
– Vabbe’, continua pure a fare il muso.
– …
– …
– Mi puoi dare un foglio e una penna?
– Ok, se smetti di dare i calci e la pianti col muso.
– La pianto se mi dai una operazione da fare.
– Che operazione vuoi?
– Io so tutti i quadrati tranne quelli del sette, dell’otto e del nove.
– Va bene. 52 + 62 = ?
– Ma io questi non li so fare!
– Prova. Le addizioni le sai fare, no?
– 25 + 36. Sessantuno.
– Ecco, vedi?
– Ancora.
– Uffa.
– Ancora.
– 42 + 4. 62 – 3×2.
– Ancora.
– 33 – 2 – 52.
– Questo si vede che fa zero.
– Ah, sì? Ma se non sai neanche cos’è, il cubo.
– Cos’è?
– Devi fare tre per tre per tre.
– …
– …
– Viene zero!
– Ok, allora 1 – 4?
– Non si può fare!
– E tu provaci lo stesso. Conta all’indietro.
– Meno tre!
– Ecco, vedi?
– Ancora.
– Basta, è pure arrivata tua sorella.
– Che stavate facendo? (lei)
– Niente. (io)
– Conti. (lui)
– Mi spieghi la probabilità? (lei)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Oggi è sabato (ma anche no)

  1. bianconerogrigio ha detto:

    Ma che razza di famiglia siete? 🙂 🙂

  2. ornella ha detto:

    Bello bello , un po’ rompi ma tanto bello !!!!

  3. HappyAladdin ha detto:

    Piccoli scienziati crescono, eh? Che meraviglia 🙂

  4. Aliceland ha detto:

    Le mamme vanno in vacanza, ma non sono mai in vacanza. È per questo che hanno tante soddisfazioni 🙂

  5. pensierini ha detto:

    Ma come cavolo ha fatto a vedere che faceva zero senza fare i conti? 😯

  6. LaVostraProf ha detto:

    Giornatina, eh?

  7. ogginientedinuovo ha detto:

    Mio figlio invece, quando vede il quaderno rosso di matematica, inizia a cambiare colore, virando verso il verde mal d’auto per poi passare al rosso ansia, col sorriso tirato e l’occhio sbarrato. La mente si svuota di colpo e al culmine del vuoto pneumatico da panico, anche le tabelline si prendono il loro tempo per venire alla luce… C’è qualcuno con cui possa prendermela? Tipo, la Gelmini… posso?

    • ellegio ha detto:

      Puoi, male non fa. Ma in realtà non so perché. Insomma, bisognerebbe capire perché è così ansioso, se lo è sempre stato oppure se ce l’ha in particolare con le tabelline …

      • ogginientedinuovo ha detto:

        Non sto a tediarti, ma è ansioso perché è il suo carattere; quest’ansia mescolata con una maestra prevalente (è qui che entra in gioco la Gelmini) che non ha nelle sue corde matematica e la spiega pedissequamente e senza diversificare esempi ed esercizi, ha generato uno stallo. Ci lavoriamo.

        • ellegio ha detto:

          Non sono tediata. Da noi comunque la Gelmini ha prodotto un modulo con sei insegnanti, dall’anno scorso (quando era in prima). Non fanno scienze, ma le maestre di italiano e matematica sono davvero speciali. Mai visto roba così (oddio, ho solo tre figli, non è che abbia tutta questa esperienza) 🙂

  8. credo dovremmo fare il test del DNA ai nostri due figli piccoli. mi sa che son parenti molto stretti.

I commenti sono chiusi.