pietre emiliane

Da qui vedo quattro grandi pini che svettano oltre i palazzi in prima fila, e c’è tutto silenzio – l’ansia di consumare dei giorni passati forse si è un po’ placata. Se abbasso gli occhi, sotto la tastiera di alluminio spunta il compito di Lorenzo, che ha fatto un gran casino tra i dati e le incognite, e lì mi sono bloccata.  Ma, del resto, chi è che non lo fa. Casino tra dati e incognite. Voglio dire, nella vita.

Sabato scorso ho realizzato che hanno riaperto i cancelli del parco sotto casa, quelli chiusi da secoli, ed è possibile di nuovo fare il giro lungo come quando ero giovane e la mattina potevo uscire senza dir niente a nessuno.

Stavolta ho chiesto.
– A che ora devi andare a lavorare?
– Presto.
– Ah.
– Perché ?
– Niente, volevo andare a correre.
Sono mesi e mesi che non vado, quest’anno poi niente piscina, orari troppo complicati da incastrare con tutto il resto, sì, certo, ci ho guadagnato i seminari del venerdì, ma non riesco a muovermi, mi devo muovere, devo.
– Be’, vai.
– Dici che li posso lasciare?
– Che vuoi che succeda?
Sono andata.
Domenica ho lasciato un bigliettino sul tavolo di cucina, ma nessuno l’ha letto: quando sono tornata il figliame dormiva ancora.
Stamattina il più piccolo si è svegliato mentre mi infilavo le scarpe.
– Posso andare? Magari prima ti preparo la colazione…
– No no, io resto qui a leggere il libro degli insetti.
E sono andata di nuovo.

Quando sono tornata era ancora lì che leggeva.
– Lo sai che ci sono trecentocinquantamila specie di coleotteri nel mondo?

A volte uno fa passi da gigante quando meno se l’aspetta.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a pietre emiliane

  1. LaVostraProf ha detto:

    Tutta la mia ammirazione, per te che ti alzi presto e ti metti le scarpette e vai.
    E anche per il figlio piccolo che legge degli insetti.
    Buone giornate, buone cose, buone corse.

  2. bianconerogrigio ha detto:

    Io il massimo che riesco a fare e portare a spasso Bassotto … poi, dai, spesso dati e incognite si sistemano. Buone corse!

  3. lanoisette ha detto:

    brava, brava, brava.

  4. 'povna ha detto:

    Bellini che siete! Che brava che sei!

  5. marina ha detto:

    cammini anche per me e il bimbo legge dei coleotteri anche per me… 🙂

I commenti sono chiusi.