Inopportuno

Da qualche giorno in sala insegnanti, tra una circolare da firmare e un pacco di compiti abbandonati da qualcuno evidentemente  in vena di rinunciare alla correzione,  compaiono cestini rossi decorati con fiocchetti dorati, molto appropriati al clima natalizio,  contenenti piccole cose in carta argentata. Si, vabbe’, cioccolatini. Anche caramelle.

Il primo giorno, stavo salendo per interrogare laBionda (siamo in chiusura di trimestre, periodo di lacrime e sangue, ragazzi che si aggirano con le occhiaie fonde e professori che annaspano: la programmazione dopo il novembre di lotta e di protesta è andata a ramengo, e nessuno vede l’ora che la settimana finisca per respirare un po’). Interrogare laBionda è una fatica, per lei e per me. Lei non vuole, non parla, piange, protesta, trascina i piedi. Gli altri dopo un po’ di stufano, io devo sostenere lei e intrattenere il resto della classe. Ecco, un cioccolatino tanto per iniziare ci stava bene, così ne ho presi una manciata e sono salita in aula.

Ma il giorno dopo perché non provarci di nuovo?

Stamattina, si vede che la fata delle sale insegnanti stanotte si è data da fare, o non so cosa, fatto sta che era un tripudio di cioccolata in piccoli pezzi, e  –  sai che c’è? – uno per uno non fa male a nessuno. E così ho fatto un bel mucchietto con una trentina di babbini natalini, qualche ovetto clandestino, dobloni d’oro e comuni gianduiotti.

Ehi. C’è un prof serissimo che mi guarda col sopracciglio cupo. Ma dai, mica starà pensando che me li voglio mangiare tutti io!  A parte che ne restano talmente tanti che basterebbero per un reggimento…

– Be’, sai, pensavo di portarli in classe…

– Ah, davvero? Mi sembra poco opportuno.

Poi ho capito che diceva sul serio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Inopportuno

  1. bianconerogrigio ha detto:

    Sicuramente vorrai comperare la benevolenza dei tuoi disperati … 🙂 🙂

    • ellegio ha detto:

      O un tentativo in extremis di dare una scossa ai neuroni, in modo da ottenere la produzione di numerosi esercizi fatti bene e commenti appropriati? 🙂

  2. LaVostraProf ha detto:

    Io mio sono alzata alle sei nell’unico giorno in cui comincio alle 11 e ho portato a scuola di nascosto tutti i dolcetti di Santa Lucia. Che inopportunità!

    (a noi il Capo ha esibito un cesto gigante pieno di arance di Sicilia, e un rappresentante di libri ha depositato oggi sacchetti di cioccolatini dappertutto sul tavolo :-D)

    • ellegio ha detto:

      Molto inopportuno davvero 🙂
      Le arance invece dei cioccolati non sono male, ma te l’immagini arrivare in classe con trenta arance. Soprattutto, dopo averle distribuite 🙂

  3. lanoisette ha detto:

    il concetto di opportunità è relativo 🙂

  4. 'povna ha detto:

    Ma dici che era troppo inopportuno mandarlo direttamente a fare in culo?!

  5. ildiariodimurasaki ha detto:

    Sì, ecco, mi sembra che la ‘povna abbia centrato il punto.
    Qui da noi, al momento, nemmeno un pacchetto di mentine.
    Spero tanto in domattina…

I commenti sono chiusi.