sfumature

Siamo in fila davanti alle pagnotte (rosette e baguette intristiscono sullo sfondo). Mi tocca la spalla e sorride un po’ imbarazzata.
– Scusi, posso chiedere una cosa?
– Certo.
– Cosa usa per i capelli?
– I capelli?!?
(oddio, magari quando mi sono tolta il casco? Chissà che casino, altro che la Medusa)
– Sì, il colore. E’ bello. Li tintoreggia?
– Li tintoreggio?! Ah, no. Mi dispiace, sono proprio così.
– Peccato, volevo sapere la marca.

Niente marca. E’ proprio questa esatta percentuale di capelli bianchi, quella di oggi, che è diversa da quella di ieri e darà diversa da quella di domani.

Come oggi è diverso da ieri, e sarò diverso da domani.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in iononsocomebloggo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a sfumature

  1. pensierini ha detto:

    Ha detto proprio così? “Tintoreggia”? 🙂

  2. laProfe ha detto:

    Be’, se a non tintoreggiarli i tuoi capelli attiran tanta ammirazione, non tintoreggiarli!

  3. Anonimo SQ ha detto:

    All’ultimo rinnovo della carta d’identità, alle voci “capelli, occhi, segni particolari” ho risposto come al solito “verdi, castani, nessuno”. L’impiegata mi ha guardato, e mi ha proposto “vogliamo scrivere brizzolati ?”.
    E ho capito tante cose sul tempo e sull’età.

    Anonimo SQ

I commenti sono chiusi.