psicopatologia della vita quotidiana

La mia porta di casa ha una serratura a molla, quando è chiusa la chiave entra in un verso e nell’altro no. E’ la stessa serratura da secoli, dovrei conoscerla, e invece da un po’ mi capita di infilare regolarmente la chiave nel verso sbagliato. E la chiave non gira.
La mia casa non mi vuole più fare entrare.

Vorrà dire che un giorno di questi la prendo in parola. L’abbandono lì, con le sue lavatrici strapiene e i suoi frigoriferi vuoti (ok, lo so che è solo uno, ma è vuoto lo stesso) e me ne vado al mare.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a psicopatologia della vita quotidiana

  1. Anonimo SQ ha detto:

    In questa stagione, meglio la montagna !

    Anonimo SQ

  2. bianconerogrigio ha detto:

    … ma scommetto che ti metteresti a fare lezione ai granchi 🙂 🙂

  3. laProfe ha detto:

    No, no. passa di qui e portami al mare, che così ti impedisco le lezioni e facciamo tanti bei disegni sulla spiaggia 🙂

  4. pensierini ha detto:

    E’ perché – sotto sotto, nel tuo subconscio – vorresti uscire fuori davvero, non entrarci dentro. Consulenza psicologica gratuita. 😉

  5. giorgio giorgi ha detto:

    Ma scusa, sei tu che giri la chiave in modo sbagliato, mica la casa.
    Sei tu che non vuoi entrare.
    Psychiatric help, new methods: 7 cent.

  6. (com’è che, oggi, nella testata del tuo blog, è comparsa la foto di casa mia?!)

  7. musicamauro ha detto:

    bè, forse un tempo avevamo chiavi per qualsiasi problema (serratura).
    Ora che ce ne sono rimaste in mano poche, se le infiliamo anche al contrario … 😉

I commenti sono chiusi.