(Il calore del sangue)

Un bel librone con tante tante pagine d’estate dà un sacco di soddisfazione.
Te ne stai lì, che l’unica cosa da pensare è quando alzarsi per fare la pipì, e cosa bere subito dopo. L’essenza della vacanza, dai.
Ecco, sì. Però insieme alle mezze stagioni, i calzolai e i battipanni di vimini, io di libroni come si deve con tante tante pagine non ne vedo più in giro. Cioè, ovviamente ci sono libri con centinaia di pagine, a grappoli, a mazzi, impilati in tutte le librerie. Ma pallosi da morire. O forse sono io che sono diventata insofferente.
E pensare che una volta il romanzo breve lo aborrivo, per non parlare del racconto. Ora li vado a cercare (Tu quante pagine hai? Centoventi? Ti lascerai leggere in un paio d’ore? Mi dirai qualcosa? Mi ricorderò di te, dopo?).

Per esempio, Il calore del sangue.

Allora, pensa di essere in viaggio. Quel viaggetto in macchina che dovevamo fare, hai presente? E la macchina ti si ferma in un paesino in mezzo alla campagna, niente di grave per fortuna, e diventa solo l’occasione per scendere e bere qualcosa. Ti accosti alle finestre, osservi la stradina di ciottoli sferzata dall’acquazzone e le case addormentate.
Attraversi un gran numero di paesini tranquilli, di villaggi sonnolenti, e passi accanto alle grandi case silenziose e scure perdute nella campagna: non immaginerai nemmeno che ogni cosa ha una vita profonda e segreta, che sei destinato a non conoscere.
A meno che.
A meno che tu non riesca ad immergerti nelle 155 pagine di questo romanzo denso e vischioso, ricco di colpi di scena.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in iononsocomebloggo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a (Il calore del sangue)

  1. 'povna ha detto:

    Mi hai convinto: lasciamo passare questo periodo di letture da studio, o giù di lì, e poi la provo, è deciso.

  2. laProfe ha detto:

    Eh, la Némirovsky… C’è di buono che alle volte è un po’ pallosa anche lei (sì, lanciatemi pure addosso i pomodori), ma alle volte… Sa tramortirti (se ti capita, prova anche “Jezabel”).

    • ellegio ha detto:

      Ecco, quindi capisci bene che poche pagine diventa un pregio ancora maggiore 😉
      Se me lo dici tu farò eccezione per Jezebel (208 pagine!)

  3. laProfe ha detto:

    Il mio sono 194 pagine, e in formato piccolo 😉

I commenti sono chiusi.