Le domande importanti

Mi era sfuggito. Quello piccolo. Pensavo che avessimo fatto tutto il dovuto, spiegato con minuzia, istruito a dovere, illustrato con dovizia – anche l’anatomia comparata uomo-mucca-gallina.  E invece.

– Come sarebbe non sai come nascono i bambini?

– No, io lo so: escono dalla pancia.

– Non sai cosa c’è prima?

– Prima ci sono l’ovetto e lo spermatozoo.

– E allora?

E allora mancavano un po’ di dettagli sui passaggi intermedi, ovviamente. E poi, ecco, non è che lo spermatozoo sia esattamente un bimbo piccolopiccolopiccolo che esce sparato dal pisello per infilarsi nell’ovetto, no.

E insomma, guarda te cos’è venuto fuori…

(Qui si fa ancora un po’ di confusione coi succhi gastrici, ma per il momento abbiamo fatto abbastanza danni 🙂 )

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

23 risposte a Le domande importanti

  1. Anonimo SQ ha detto:

    Se tanto mi da tanto : quando ti ha chiesto queste delucidazioni ?
    In genere, sono maestri a prenderti alla sprovvista, possibilmente quando sei praticamente nudo come un verme (fisicamente ma soprattutto socialmente), e non puoi somministrare + che una imbarazzata ed abborracciata versione della realtà, che è quello che a loro piace, perchè non sa di discorso preparato e precotto pieno di balle, ma solo di umile, nuda e magari difficoltosa verità.
    Esperienza di padre.

    Anonimo SQ

    (per esempio: “ma proprio ora! lasciami almeno alzarmi dalla “tazza”! “)

    • ellegio ha detto:

      No, per fortuna niente tazza 🙂
      Ero al comando dell’astronave (ehm) e quindi ho subito gongolato qualcosa 😉
      Poi in realtà sono arrivate le Sorelle Sotutto, che si sono prodigate in lunghe e dettagliate spiegazioni…

      • Anonimo SQ ha detto:

        Eh, il vantaggio delle sorelle !!!

        Anonimo SQ

        PS: Io ero il fratello unico, ma non è che le sorelle mi abbiano aiutato molto, in quel campo lì. Altri tempi, gli anni ’60.

  2. laGattaGennara ha detto:

    il video è fantastico; in alcuni passaggi mi sono capovolta! 🙂

  3. ornella ha detto:

    Sì , le sorelle non hanno aiutato!!! Ma se ne sapevano meno di te!

  4. Penelope64 ha detto:

    Scusate ma ho scritto dei commenti a caso…cancellateli. Non considerateli.
    Volevo dire che le sorelle ne sapevano meno del fratello…con dei genitori che ne sapevano meno di tutti e tre i figli messi insieme, mi sa.

  5. ornella ha detto:

    LGO: concetti base? Mia madre , quando passai dalle elementari alle medie , datosi che ai miei tempi le scuole elementari erano ancora suddivise in classi tutte femminili e classi tutte maschili , e invece alle medie esistevano già ( oh ! prodigio! ) classi miste, si preoccupò di avvertirmi: mi raccomando, stai attenta ai maschi. Analogamente a mio nonno paterno, che, lasciando col resto della famiglia la città di Zara, straziata tra bombardamenti alleati , occupazione tedesca, assedio dei partigiani di Tito, si premurò di avvertire mio padre che rimaneva là , a diciassette anni, arruolato in non so bene quale “armata” studentesca : figlio mio , guardati dalle donne.

I commenti sono chiusi.