la vida es…

Sono tre giorni che quando mi viene sonno vado a letto. E mi sembra così strano, un lusso, una vacanza. Sono ancora nel bel mezzo dell’inserimento dei voti, delle relazioni, degli scrutini, ho ancora davanti la fila lunghissima delle riunioni, dei compiti di maturità da correggere, degli esami da fare, ma posso dormire quando mi viene sonno.

A me sembra che arrivare a giugno così non abbia senso. Senza serate libere, senza domeniche per rifiatare. Abbaiando ai figli che tu hai da fare. Con una gran voglia di mollare tutto e andare dall’altra parte della terra. Credo che questa potrebbe essere l’estate in cui decido che sì, i test a risposta multipla vanno anche bene, e sì, il laboratorio lo possiamo anche lasciar perdere, e sì, i giochini sul sito chissene, e sì tagliamo, semplifichiamo, seguiamo le vie battute. Tanto.

(no, non c’entra niente, è solo così)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

20 risposte a la vida es…

  1. LaVostraProf ha detto:

    Ho abbandonato per qualche settimana giochini, sito, film, laboratorio, Lim, non per stanchezza, ma per cretineria di alcuni alunni che impedivano di lavorare bene. Ho fatto lezione in piedi davanti alla cattedra, a parlare, parlare, parlare. E’ stato faticosissimo. Una mattina ho ceduto e ho fatto la spesa non-equa e non-solidale e poi sono entrata in aula versando le borsine sui banchi e cominciando tutto il discorso del consumo critico e così via. Mi sono sentita meglio.
    Ma c’è da dire che io vado quasi sempre a letto quando ho sonno (verso le nove, nove e mezza…).

    • ellegio ha detto:

      Ma infatti lo so che non sarei capace (non sarei capace neanche di stare seduta in classe!), però credo che da fuori sia difficile rendersi conto di quanto è cambiata la scuola, di quanto sia diventato faticoso questo lavoro.
      E poi, è vero che mi lamento ma intanto sono qui che cerco di imparare arti nuove per l’anno prossimo, o comunque per metterle da parte…

      • LaVostraProf ha detto:

        Ti dico solo che, dopo aver solennemente giurato entrambi che non avremmo mai mai mai organizzato più niente di ‘spettacolare’ (nel senso della parola ‘spettacolo’) per tutti gli anni a venire, io e il Drago eravamo al Collegio docenti a organizzare un musical per la prossima classe che mi arriva…

  2. Anonimo SQ ha detto:

    Che vuoi che ti dica ? Hai ragione santa, specie per quel che dice la foto, ma anche per la nostra vita.
    Da me mi stanno domandando di controllare l’orario delle lezioni 2012/13 (non sappiamo ancora gli iscritti, quanti turni di laboratorio etc). Abbiamo appena fatto orari etc dei precorsi (dal 3 settembre !) sovrapposti alle sessioni di esame (solo 12 gg, non vorremo aiutare troppo gli studenti, poi avranno gennaio 2013, in fondo gli abbiamo dato tre settimane a maggio).
    Come al solito, uscirà che avrò lezione dalle 12.00 alle 13.45 di teoria, e poi dalle 14.00 alle 18.15 in Lab., con gli stessi studenti (naturalmente gli studenti avranno avuto lezione anche sino alle 12.00 dal mattino).
    Anche ai precorsi avevano scelto, un giorno, lezione dalle 8.45 all 10. 45, poi dalle 12.00 alle 15.30, continuate.
    Credete che appellarmi alle leggi sul lavoro per avere almeno 30′ per mangiare (io ed i miei studenti) sarebbe un atto di insubordinazione ? O è per farci capire che siamo destinati alla schiavitù ?
    Dimmi dove hai trovato la foto, che me la stampo e l’attacco in bacheca…

    Anonimo SQ

    • ellegio ha detto:

      La foto l’ho rubata su facebook (sono risalita fino a questo album qui)

      La schiavitù? Oddio, magari non si tratta di noi, ma per qualcuno ci siamo vicini davvero.

  3. musicamauro ha detto:

    mi son ricordato questa (OT, forse)

  4. pensierini ha detto:

    Molla su tutto ma non dare i test a risposta multipla, ti prego!

    • ellegio ha detto:

      Ma non è meglio mollare un po’ qui e un po’ là, infilare qualche test e provare a conservare anche un po’ di laboratorio?

      • pensierini ha detto:

        Mah, io sono proprio negata per i test, di qualunque tipo, dal vero/falso a quelli a scelta multipla, ho sempre l’impressione tirino ad indovinare o ad intuito e/o che si copino a vicenda; preferisco sorbirmi paginate da correggere di sproloqui di teoria semi-memorizzata e, naturalmente, altre paginate di aborti di problemi. Lo so che le Olimpiadi sono a test, ma io non sono capace di farli e poi di mescolare le risposte.

        • ellegio ha detto:

          Farli bene è un lavoraccio, in effetti. Io sto sperimentando una modalità mista, con domande chiuse tipo olimpiadi, appunto, e qualcuna aperta (motivare le risposte, spiegando il procedimento seguito) e non va male. In effetti stavo pensando più a una cosa tipo Olimpiadi che a test stile zanichelli che sono davvero troppo banali.

  5. ornella ha detto:

    http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.dagospia.com%2Frubrica-4%2Fbusiness%2Fmela-marcia-a-tre-mesi-dalla-visita-del-capo-di-apple-tim-cook-alla-40050.htm&h=8AQHZa8m6

    E di ‘sta roba qua cosa ne diciamo? La schiavitù non è mai stata abolita….

    Spero che il link funzioni perché non sono esperta. @musicamauro: bella canzone!!! e anche la cantante !

  6. bianconerogrigio ha detto:

    Tra il bianco e il nero esistono molte sfumature di grigio … 🙂

  7. Anonimo SQ ha detto:

    E sì, anche il buio pesto….

    Anonimo SQ

  8. eh no, sai?! io che indico te e qualche altra creatura bloggina come esempi di come dovrebbe essere la scuola… non permetterti!!

I commenti sono chiusi.