O…o…

-…e poi durante le vacanze di Pasqua dobbiamo anche fare una ricerca sulla gravità.

– Ah.

– Sì, perché la prof dice che sul libro c’è troppo poco.

– Vi ha dato qualche indicazione?

– No, ha solo detto di non scaricare sei pagine da wikipedia, ne basta una e che ce la impariamo a memoria, ché poi ce la chiede.

Cooosa?

– Che poi la chiede.

– No: dovete impararla a memoria?

– Ha detto di decidere noi: o cerchiamo di capire qualcosa, oppure la impariamo a memoria.

Perfetto.

O…o…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a O…o…

  1. lanoisette ha detto:

    ma che razza di scalzacani di insegnanti ha tua figlia?

  2. 'povna ha detto:

    Noise: gli stessi che noi abbiamo per colleghi?!

  3. Anonimo SQ ha detto:

    Domandai all’ insegnante prestigiosa di matematica, alle medie, di mio figlio grande: “cosa serve far imparare a memoria tutti i nomi ed i termini scientifici che riguardano l’apparato circolatorio, digerente ect se i ragazzi non c’hanno capito una fava di quello a cui si riferiscono ?” (sono stato più signorile, comunque non ci capivano una fava perché lei NON HA MAI SPIEGATO NIENTE DI SCIENZE (era matematica, lei), dava il libro da leggere a casa, poi chiedeva se non avevano capito, al silenzio degli innocenti concludeva, bene! domani compito )
    Risposta : “cosa c’entra ? come imparano le poesie a memoria possono ben imparare quella trentina di termini associati alle questioni della materia, no ?”

    Anonimo SQ

    NB : di quelle che aveva mio figlio, era una delle migliori !!!! Meditate !

  4. ellegio ha detto:

    Eh. Questa passa per brava perché li ammazza di compiti. Decine di problemi al giorno tutti uguali. Morale: quelli ligi al dovere fanno i compiti e cominciano a odiare le sue materie. Gli altri, quelli che non fanno niente, non è che se gli dai il doppio o il triplo dei compiti ne fanno in percentuale, quelli non fanno niente e basta.
    Anche su questo ci sarebbe da meditare…

    • Anonimo SQ ha detto:

      Hai ragione, LGO.
      Insegnanti di questo tipo li odio soprattutto perché disamorano i ragazzi dalle materie scientifiche. Nel mio vecchio liceo sono famose un paio di insegnanti che esasperano talmente gli studenti con matematica e fisica che la percentuale di studenti che iscrivono da uno scientifico a lauree scientifico-tecniche è una ridotta minoranza. Vanno piuttosto a Giurisprudenza, Economia, filosofia, Lettere. Di scienza ne hanno le tasche piene.

      Anonimo SQ

  5. bianconerogrigio ha detto:

    C’era una volta un omino che dormiva sotto un albero di mele quando all’improvviso …

  6. ornella ha detto:

    I compiti per casa in eccesso o assegnati per punizione sono un abominio! Parola di maestra in pensione. E non voglio parlare dei “libretti” di attività per le vacanze estive, raccolti a settembre e lasciati in cima all’armadio a ricoprirsi di polvere e buttati (da me ) tre anni dopo, quando la classe era oramai alle medie.

  7. extramamma ha detto:

    Devi avere delle colpe (segrete) da scontare per meritare una tale punizione 😀 😀

    Buona Pasqua!

  8. Simo ha detto:

    Cosa dire, questa mi mancava:-))). Anche quella raccontata da Anonimo SQ non è male…..
    Poi si stupiscono che pochi scelgano materie scientifiche all’università…..

    Ma c’è anche chi riesce a fare di meglio: io ho avuto un prof alle medie che diceva alle ragazze di non perdere tempo con matematica/fisica/scienze perché era roba da uomini (e non ho fatto le medie nel 1800;-)))
    Io infatti mi sono iscritta e diplomata all’ITI (fisica industriale:-)) e ho poi proseguito all’università.

    Simona

  9. pensierini ha detto:

    Non ci posso credere. 😦

  10. lucia16154 ha detto:

    uccidila! (finalmente sono riuscita a loggarmi…)

I commenti sono chiusi.