Nibiru, arriviamo

E dopotutto forse i Maya avevano ragione, la fine del mondo dev’essere vicina.

Le prove continuano a moltiplicarsi. Ogni giorno qualcuno ammazza qualcun altro, dev’essere l’influenza nefasta dei campi magnetici.  Tutti si divertono a guardare bellissime aurore verdine, e intanto danno fuori di testa. Perfino in classe di O i bambini se le danno di santa ragione e qualcuno finisce all’ospedale. La figlia grande si è ammalata, evento che non si verificava da più di dieci anni, dall’annus mirabilis in cui cominciò a frequentare il nido e a catturare qualsiasi batterio e virus vagasse nel raggio di dieci km. E’ una settimana che bolle e dorme, dorme e bolle. La prof ha scritto solo sei post in un mese, e Giulia, dopo l’esperimento lungo un anno, Giulia che fa?

Io ormai lavoro compulsivamente, dalle sei di mattina all’una di notte, dimenticando di fare la spesa e di guardare ogni tanto se i figli stanno crescendo. Mi accontento di prove indirette, qualche rumore che arriva dal corridoio, una scia di blocchetti da costruzione abbandonati qui e là.

Ed è pure arrivata la primavera, senza dirmi niente.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in iononsocomebloggo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Nibiru, arriviamo

  1. bianconerogrigio ha detto:

    Non sono ciliegi in fiore, ma solo una mia orchidea … (https://picasaweb.google.com/117408835688707274033/FotoMie?gsessionid=_onUVYaZ7iyRJbVVIISrLg#5723517417127950882). Non so allegare una foto al commento, perdonami. 🙂

  2. ellegio ha detto:


    E’ una meraviglia 🙂

  3. pensierini ha detto:

    Lavori troppo, Ti capisco benissimo.

  4. laGattaGennara ha detto:

    non lo so se è un male che quella arrivi a passi felpati. che possa arrivare senza in nostro accorgimento, non è un male o non lo so.

  5. ellegio ha detto:

    Oggi per fortuna alla fine si è messo a piovere. Avrei bisogno di uscire senza scopo, ecco.

I commenti sono chiusi.