Attività didattica

Solo chi vuole fare polemica interpreta “sospesa attività didattica” come un dover restare con i ragazzi a braccia conserte… Se fossi un insegnante io rispiegherei qualcosa, approfondirei qualcos’altro, coglierei l’occasione di parlare di un argomento sul quale non sono riuscito a soffermarmi durante l’anno… Insomma renderei questa situazione una bella occasione educativa.
Ringraziando Dio molti insegnanti lo faranno.

Parole del nostro assessore alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani. Su Facebook.

Assessore che sul sito istituzionale del Comune pubblicizza un originale pub di ispirazione cristiana, ma di cui non è dato conoscere neanche il titolo di studio, che dev’essere irrilevante per uno che suggerisce interpretazioni.

Ringraziando Dio (ma anche no) molti insegnanti hanno abbastanza chiaro cosa si debba intendere per attività didattica.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Attività didattica

  1. fughetta ha detto:

    come direbbe un’amica mia “ma ce li meritiamo i Maya che spazzino via il pianeta, eh!”
    Ma chi è questa gente? Da dove viene? Perchè è dove sta? Aria, aria!

  2. vnnvvvn ha detto:

    Stai facendo polemica strumentale solo perchè non ti piace il titolo di baby sitter intrenseco alla decisione del comune 😛

  3. 'povna ha detto:

    Lasciamo stare il titolo di studio , che con il proliferare di Cepu e piccole università di Camerino – e sai che lo dico dall’interno (no: per fortuna l’università dove lavoro è una, se non altro, di acclarata tradizione) – oramai un sacco di titoli di studio valgono quanto carta da culo. Parliamo del fatto che fa parte di Scienza e vita e del fatto che si permette di ringraziare il suo personalissimo eroe da gioco di ruolo in veste istituzionale, che mi pare assai più grave.

  4. 'povna ha detto:

    ps. e non ringraziare dio, tu: ringrazia Gandalf (o la tartaruga, o Dumbledore, o chi ti pare),tu puoi, sei sul tuo blog privato!

  5. laProfe ha detto:

    Ma, sai, è la solita cosa: quando uno parla di scuola non sapendone niente e butta lì un’idea brillantissima e gli insegnanti si guardano in faccia e pensano: ah, ecco, aspettavamo proprio te per sapere come fare…
    (mi sembra come quando la Gelmini disse che bisognava insegnare grammatica a scuola…)

  6. pensierini ha detto:

    Un vero gggenio! :mrgreen:

  7. laGattaGennara ha detto:

    “se fossi un insegnante, io rispiegherei…” “se fossi un calciatore io ti calcerei il..ops”

I commenti sono chiusi.