Candy sticks

– Cos’hai in quelle tasche?

– I dolcetti della Befana.

– Tira fuori.

– …

– E tutti questi bastoncini di caramella da dove vengono? Io sono sicura che la Befana te ne aveva messo nella calza solo uno.

– E come fai a saperlo?

– Prima tu.

– Me li hanno regalati le cuginette.

– E perché?

– Ho chieso a J. cosa c’era nella sua calza, e lei mi ha voluto regalare il suo bastoncino.

– E come hai fatto a chiederglielo?

– Ci siamo capiti.

– Sì, ma magari lei ha capito che tu volevi le sue cose!

Chissà cosa pensano, poi. Di questa famiglia tutta bianca, del nonno con tutti i cani e i gatti che finalmente quest’anno è riuscito a fare il grande fuoco di cui vagheggiava da anni – che uno così eccentrico riesca anche ad essere così tradizionalista poi è un vero mistero, dell’assurda conclusione della giornata di oggi, quando ci siamo ritrovati in fila con migliaia di persone e poi al buio e al gelo davanti a quella che doveva essere la ricostruzione storica del primo presepe al mondo, tutto fumo e niente arrosto, tanto da scappare battendo i denti.

Chissà cos’hanno capito, della storia confusa di uno che è nato in una grotta, e un altro che parlava coi lupi. Chissà cosa si ricorderanno, di questo strano paese dove si mangiano i conigli (no, dai, non glielo dire! Meglio il pollo, va’), gli insetti sono microscopici e ciascuno deve dormire nel suo letto da solo.

Ma rincorrere i gatti sotto le sedie, neko neko, quello è facile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Candy sticks

  1. bianconerogrigio ha detto:

    Di quel posto, di quel paesino del primo presepio, ricordo solo un ristorante trovato dopo una disperata ricerca, quando tutto era chiuso, la vigilia di Natale di una vita fa. Loro ricorderanno favole, a differenza di chi continua a credere un profeta palestinese di duemila anni fa alto, biondo e con gli occhi azzurri.

  2. Anonimo SQ ha detto:

    Oddio : biondo e con gli occhi azzurri credo proprio no !
    Mi sa che aveva, semplicemente una faccia da palestinese, scura e cotta dal sole. A + di 30 anni (prob + 35 ch3 33), poi, era quasi un vecchio, in un mondo dove la speranza di vita a + di 30 anni non ci arrivava. Magari i capelli, più che biondi, erano bianchi.
    Sull’altezza, poi, ci sarebbe molto da dire: il migliore argomento contro l’autenticità della Sindone (oltre ovviamente al 14C) è che l’uomo sindonico dovrebbe essere alto ca 1.80, il che è un po’ improbabile, in un popolo di altezza media poco sopra l’1.50. Zaccheo, per vederlo, non avrebbe avuto bisogno di salire sul sicomoro.

    Anonimo SQ

    • ellegio ha detto:

      Però credo che tu abbia frainteso il commento del Grigio, che certo non voleva dire che aveva i capelli biondi e gli occhi azzurri 🙂

  3. giulionga ha detto:

    …avete fatto il pignarùl in cortile? Ma l’artefice è lo stesso nonno che ti ha regalato la foto di Cercivento? No perché, sai com’è, di fronte a cose come questa divento tradizionalista persino io! Molta stima per il nonno, comunque, e anche per i cani e i gatti…e ovviamente per le cuginette, che chissà cosa avranno capito, ma che si porteranno via per sempre il ricordo di questi strani giorni, in questo strano paese, in mezzo a questa strana gente che, in fondo, siamo noi.

    • ellegio ha detto:

      Più che nonno per me è papà, ma è lo stesso, sì 🙂
      I cani e i gatti se la godono, ma durante il falò non si sono mica fatti vedere!

  4. ornella ha detto:

    Insomma! Come era o come non era ! Lasciateci almeno pensare che era un gran bell’uomo !!!!!(non oso esprimermi in modo più efficace).

    • ellegio ha detto:

      Credevo che non fosse mica importante se era bello o no 😉
      E comunque a me il biondo occhio azzurro non piace mica, preferisco il bruno occhio nero.

      • ornella ha detto:

        Pure io! L’unico biondo che mi piace era ed è ancora Robert Redford. Quanto all’aspetto fisico del Redentore, non vorrei gli fosse data molta importanza. Credo che ognuno abbia il diritto di immaginarselo come vuole. Perciò mi infastidiscono tutte le ricostruzioni più o meno scientifiche della fisionomia dell’Uomo di Nazaret. Ma lasciamo perdere , per favore…

      • erinni ha detto:

        ecco. anch’io!

  5. 'povna ha detto:

    i candy sticks, ovvio! (ma davvero sei sicura che non eri nelle mie feste al paese-che-è-casa?

I commenti sono chiusi.