Precisazioni

Il Presidente precisa che a Palazzo Chigi non si è tenuta una festa, ma una semplice recitazione del rosario alla quale, oltre al Presidente stesso e a sua moglie, hanno partecipato quali invitati un vicino di casa con coniuge e un gatto con lettiera al seguito, nonché un pastore sardo conosciuto su Facebook di età imprecisata compresa tra nove e novantacinque anni. Il Presidente precisa inoltre che il costo della coda alla vaccinara e del ciambellone marmorizzato è rimasto interamente a suo carico.

(da qui)

Ecco. Se non avessi finito di correggere tutti i sette pacchi/pacchetti/pacchettini la notte passata alle 00:09 (in tempo per accorgermi che, come al solito, la scadenza per la compilazione onlain delle tabelle delle proposte di voto era impostata male, e quindi non avevo più l’accesso al sito, e quindi dovevo andare a letto senza mettere i voti e poi passare la mattinata di oggi a cercare qualcuno che fosse in grado di accorgersi del problema, cambiare la data di scadenza, riaprire l’accesso al sito per permettere, finalmente, di compilare i maledetti tabelloni, il tutto dopo quattro giorni di semi clausura e correzione a tappe forzate) oggi non sarei stata in vacanza, finalmente.

Non sarei andata a passeggio per la città eterna sotto la pioggia con una mandria di ragazzini incappucciati, non avrei sorpreso una bionda giornalista (?) del tiggì che intervistava mia figlia (mia figlia!) sulla Befana, e non avrei commentato ridacchiando col marito, a pc unificati, il comunicato del Presidente del Consiglio.

Ma andiamo con ordine.

Insomma, stavamo pascolando disordinatamente tra queste bancarelle – che magari hanno un certo fascino per chi viene dall’altra parte del globo – quando eccoti lì la figlia col microfono sotto il naso e la telecamera a dieci centimetri.

La bionda le suggeriva:

– Fai finta che sia già la Befana, e racconta cosa hai trovato nella calza.

Il tempo di accorgercene, e io e il babbo eravamo lì con la stella sul petto e il mantello svolazzante come i Vendicatori.

– Scusi lei, sta per caso intervistando la bambina?

– Ma come si permette? Senza neanche chiedere il permesso ai genitori? (Che poi saremmo noi, ma questo non l’ha detto)

La bionda sembrava pure risentita. Avrà pensato che razza di deficienti che non vogliono neanche la figlia in tivvù.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Precisazioni

  1. 'povna ha detto:

    E con questo apprendiamo che Mario Monti ha anche un discretissimo (in doppia accezione) senso dell’umorismo. Una qualità che non guasta mai.

    • supermambanana ha detto:

      OT con richiesta di aiuto (non a caso sotto il commento della ‘povna): il mio dashboard di blogger si rifiuta di includere ellegio e nemoinslumberland nella lista, quindi non mi aggiorna dei nuovi posts. Li includo a mano, ma quando lo riapro sono spariti. C’e’ qualcosa che non so? (ho altri wordpress blog che paiono funzionare, ma i vostri due sono quelli trasferiti a wpress di recente) 😦

      • ellegio ha detto:

        Non so che dire. Mi sembra che altrove funzionino, anche se sono stati aperti da poco, quindi non vedo perché a te no. Mi dispiace 😦

  2. melchisedec ha detto:

    Sono basito da una parte, divertito dall’altra: la risposta di Monti è eccezionale.

    Quanto alla giornalista, ben le stia il rimprovero!

  3. vnnvvvn ha detto:

    Avevo letto un bel post dello Scorfano sul ritorno della politica e la messa al bando delle “stronzate” noto però che a volte ritornano…

    • ellegio ha detto:

      Pensa che è tornata pure la Gelmini! Ho letto che ha commentato i controlli a Cortina dicendo che così si rischia di far passare l’idea che la ricchezza è il male.

      • 'povna ha detto:

        Viv, Calderoli piuttosto è ancora su piazza. Quanto al comunicato stampa (il suo spin doctor Piton-che-non-è-Snape lo conosce abbastanza bene) non solo è geniale, ma è anche una lezione di alta politica. E la mia non è una battuta.

  4. bianconerogrigio ha detto:

    La cena degli ossi di Calalzo di Cadore sì, il bunga-bunga di Arcore sì, ma il cotechino con le lenticchie no, non è proprio tollerabile per il decoro dell’Italia 🙂

  5. La cena degli ossi fortunatamente è saltata, sui controlli a Cortina invece è scattata la ola in zona perché non sono stati rivolti ai turisti (come il Sindaco del ridente paese della conca voleva far credere), ma ai commercianti locali.

  6. laProfe ha detto:

    Refresh: Il Presidente precisa che a Palazzo Chigi non si è tenuta una festa, ma una semplice partita a racchettoni alla quale, oltre al Presidente stesso e a sua moglie, hanno partecipato quali invitati un condomino dello stabile con coniuge e tre levrieri a pelo raso, nonché un insegnante di educazione tecnica che passava per caso di età imprecisata compresa tra tredici e novantacinque anni. Il Presidente precisa inoltre che il costo della coda alla vaccinara e dell’ammazzacaffè è rimasto interamente a suo carico. [sempre da lì :-)]

    Trovo che calderoli, definendo il Cenone di Monti “inopportuno” perché tenuto a Palazzo Chigi, abbia raggiunto vette di deficienza e faccia di culo ormai inarrivabili.

  7. ildiariodimurasaki ha detto:

    Casomai qualcuno volesse seguire il seguito, c’è un accurato quanto spassoso articolo di Feltri, che tira in ballo anche un mazzo di fiori di Monti (che, chissà, magari è stato acquistato da un abusivo e Monti dovrebe dimostrare che così non è). Interessanti anche i commenti dei lettori, se qualcuno ha la pazienza di scorrerli.

I commenti sono chiusi.