11.704

(Poco) Onorevoli Onorevoli,

leggo che state godendo un lungo ponte festivo,  e vi preparate, al rientro, a dar battaglia.

Forse non dovrei leggere ‘sta roba di prima mattina, forse dovrei rotolarmi nel letto e, intanto, oziosamente meditare su un allegro pranzetto in un posto carino, una mostra, una passeggiata. Certo, così, nero su bianco, vien fuori quanto sono stupida e banale, guarda te che sogni piccoli che mi vengono fuori. Pazienza, eh. E’ solo un modo per tranquillizzare la rabbia, io che, il ponte, niente. Io che mentre i ristoranti son tutti esauriti vado a lavorare, e questo fine settimana terrò chiusi in casa i bambini perché ho troppi compiti da correggere, e intanto da anni, e per anni ancora, prenderò lo stesso stipendio, accollandomi paziente le decine di studenti in pù che qualcuno mi affida ogni anno, inghiottendo in silenzio il carico di lavoro che questo comporta, facendo finta di non sentire chi sostiene che trenta studenti per classe potrebbero pure essere pochi, e intanto in una classe negli ultimi trent’anni forse non ci ha mai messo piede – come buona parte di quelli che continuano a raccontare cosa si fa a scuola, e a scuola ci sono stati, forse,  qualche anno, decine d’anni fa.

Niente, (poco) onorevoli, basta così. Mi vergogno di quello che ho scritto, mi vergogno di continuare. E poi, davvero, ho una marea di lavoro da fare, a prezzi stracciati, mentre voi squallidamente argomentate sui vostri privilegi. E non ho un forcone tra le mani.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a 11.704

  1. strangethelost ha detto:

    Eh già !! Pure io appena sveglia ho letto stà notizia che i nostri molto pochi onorevoli sono sul piede di guerra perchè ci si sta permettedo di decurtare il loro “MISERO” stipendio di 5000 euro!!
    Ma stiamo scherzando?? Come Si dice che disse Maria Antonietta,”Se il popolo non ha il pane mangi le briosc”. Bhe credo che loro siano fuori dal mondo come lo era la Regina decapitata!! Non si rendono mica conto che stanno talmente tirando la corda che prima o poi si romperà!!
    E allora si che saranno cavoli amari !!
    PS: Sono anche io una transfuga di splinder,mi piace quello
    che scrivi ,tornerò a trovarti!! Ciao 🙂

  2. musicamauro ha detto:

    l’espressione: “trasformare la scuola tutta in un vettore 2.0”, dice che quell’uomo è un genio (come quello della lampada).
    senza forcone anch’io, purtroppo

  3. ornella ha detto:

    Non riesco a scaricare video da you tube e le versioni di Contessa che ho trovato fanno abbastanza schifo. Non ci resta che l’avvelenata di Guccini…

    Il paragone tra la Mussolini ( aspirante suicida per la privazione del vitalizio) e Maria Antonietta ci sta , ma forse non è abbastanza forte. Ci vorrebbe un altro, più alto esempio di menefreghismo e cecità politico-sociale. E non si vergognano. Del resto , avete visto Gasparri da Crozza, ieri sera?

  4. Anonimo SQ ha detto:

    Volontariamente vedrei Gasparri solo dopo un lungo digiuno.
    Sentirlo alla radio mi basta già.
    Comunque i parlamentari non sono peggiori mediamente del paese che li ha espressi.
    Stamane sentivo un tizio, libero professionista, lamentarsi che paga un sacco di tasse, che Monti gliene farà pagare di più etc. La sua tesi era che, oltre il 20 %, la tassazione sia un furto. Considerato che spesso per liberi professionisti ed artigiani tasse vuol dire tutto (IRPEF, previdenza & assistenza, etc), ma anche fossero solo quelle giuste (IRPEF etc), chi glielo spiega a quello che è un imbecille ? E chi glielo dice a quelli, tipo Oscar Giannino, che sostengono queste tesi, che sono altrettanto imbecilli ma + pericolosi perché fanno opinione pubblica ?

    Anonimo SQ

I commenti sono chiusi.