Un mazzo di fiori per la maestra

Gentili Signore e Signori Radioattivi,
come il latore di queste righe, che Vi prego di ascoltare con benevolenza, Vi spiegherà dettagliatamente, al cospetto … dello spettro continuo della radiazione β mi sono buttato in una scappatoia disperata, per … salvare il principio dell'energia. E cioè la possibilità che esistano nei nuclei particelle elettricamente neutre – che chiamerò neutroni – … e differiscano inoltre dai quanti di luce per il fatto di non muoversi alla velocità della luce…
Per il momento non mi fido ancora di pubblicare qualcosa su questa idea, e mi rivolgo fiducioso a Voi, cari Radioattivi, domandandovi come si potrebbe controllare sperimentalmente un simile neutrone, nel caso che quest'ultimo possedesse un potere di penetrazione pari o dieci volte superiore a quello di un raggio γ.
Ammetto che la mia scappatoia potrà in un primo momento apparire poco probabile, perchè i neutroni – se esitono – si sarebbero dovuti vedere già da tempo. Ma chi non risica non rosica e la gravità della situazione per quanto riguarda lo spettro continuo della radiazione β è illuminata da una frase del mio illustrissimo predecessore in ufficio, il signor Debye, che mi ha detto recentemente a Bruxelles: "Oh, a queste cose è meglio non pensarci affatto, come alle nuove imposte". Ecco perché bisogna discutere seriamente ogni via di salvezza.
Perciò, cari Radioattivi, provate e giudicate.
Purtroppo non potrò essere di persona a Tubinga perché la mia presenza è indispensabile qui a Zurigo per un ballo che verrà dato nella notte fra il 6 e il 7 dicembre. Con molti saluti a Voi, nonchè al signor Back, sono il vostro umilissimo servitore

W. Pauli
 

Chissà poi come ballava, me lo sono sempre chiesto.

Oggi su uno dei banconi del laboratorio galleggiava in bella vista il comunicato del CERN sui risultati di Opera. Questa classe qui non l'avevo incrociata negli ultimi giorni, complice un orario fatto un po' alla come viene viene, quindi non ne avevamo parlato.
Mi è sembrato un bel regalo, ecco.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un mazzo di fiori per la maestra

  1. utente anonimo ha detto:

    Bellissimo!
    Custodisci questo ricordo per i momenti difficili…
    E sfutta questa loro curiosita adesso!

    Voulaz

I commenti sono chiusi.