Il tunnel

(cliccare per credere)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Il tunnel

  1. anto561 ha detto:

    AAAAAAHHHHRRRRGGGHHHH !

  2. utente anonimo ha detto:

    Chi si lamenta ancora dei nostri alunni, lo tuono

  3. utente anonimo ha detto:

    Ahahahahahahah! Il governo fa le grandi opere… altro che ponte sullo stretto! Ora vanta addirittura un tunnel di oltre 700 Km (da L'Aquila a Ginevra) per far passare i neutrini… Che dire? Einstein aveva ragione quando diceva che solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana. E aveva dei dubbi a riguardo dell'universo!

  4. LaVostraProf ha detto:

    Se c'è una fermata dalle mie parti, posso prendere il tunnel e venire a trovarti, che dici?

  5. LGO ha detto:

    Com'è che si dice? Peso el tacòn…
    Hanno scomodato perfino i fisici veri (della serie "o vi inventate  qualcosa o chiudiamo il rubinetto"? o è troppa perfidia?)
    Perché insomma, l'italiano è italiano.

    Comunque, all'inizio mi sono fatta una risata.
    Poi mi sono venuti i brividi, perché una roba così non significa che il ministro deve per forza capire la fisica.  Se uno non capisce la fisica chiederà in giro come fanno 'sti cavolo di neutrini a viaggiare da Ginevra al Gran Sasso, al limite.
    Significa che c'è gente che è talmente abituata a non capire di cosa parla che non si stupisce più di nulla.

  6. vnnvvvn ha detto:

    A me sconvolge che qualcuno abbia anche trovato in bilancio una voce da 45 milioni di euris per finanziarlo… il tunnel!

  7. utente anonimo ha detto:

    Questo tunnel passerà alla storia…se penso che 'sta disgraziata ha in mano ( telediretta da chi tiene i cordoni della borsa) la vita della nostra tanto amata gioventù mi viene da piangere.

  8. povna ha detto:

    sì. è esattamente la cosa che ha colpito anche me. voglio dire: se non avessi la fortuna di ubriacarmi tre volte a settimana con chi all'LHC ci lavora da anni, ne saprei molto meno e avrei bisogno di molte più note a pie' di pagina; ma, per l'appunto, uno sa di non sapere, si fa spiegare… che qualcuno posso pensare che scrivere tunnel sia corretto, beh, questo preoccupa più di ogni altra cosa…

    (i 45 milioni sono un po' più veri veri, invece, nel senso che i 3/4 di coloro che lavorano all'LHC sono italiani, quindi, se si considera tutto – e evidentemente un comunicato stampa pubblicitario considera tutto – ci sta, eccome…)

  9. LGO ha detto:

    Viv, credo che l'ordine di grandezza dei finanziamenti sia quello.
    Tieni conto che quello che poi torna in commesse in genere è dello stesso ordine di grandezza (insomma, non è un vuoto a perdere, anche se uno decidesse che fare ricerca è un inutile spreco di denaro pubblico).
    Vedi per es. qui (anche se non riguarda nello specifico CNGS-OPERA)

  10. vnnvvvn ha detto:

    Mi sono spiegata male, intendevo dire trovare nero su bianco sul bilancio cartaceo la voce "Costruzione Tunnel = 45 milioni)

  11. LGO ha detto:

    Capito 🙂

  12. utente anonimo ha detto:

    Al di là delle idiozie della Gelmini (ormai non c'è più da stupirsi), quello che mi preoccupa è che tutti i mezzi di informazione danno per scontato che sia una scoperta confermata invece di dire, come hanno fatto gli autori dell'esperimento, che si tratta di dati che devono essere ancora verificati, riprodotti in altri laboratori e studiati!
    Se dopo una verifica (che potrà durare anche anni) si troverà che i risultati di oggi sono sbagliati (cosa non del tutto improbabile) l'immagine della scienza, già ampiamente screditata dalla cattiva informazione, subirà un ulteriore grave danno.

    Voulaz

  13. LGO ha detto:

    Voulaz (ciao 🙂 )  Gli articoli di scienza sui grandi quotidiani sono spesso superficiali, soprattutto trovo orrendi i titoli (anche on line, vedi quello di Barbara Gallavotti sulla Stampa: risultati scoperti per caso?!?). Però in giro ci sono moltissimi blog molto curati, anche in italiano 🙂 In questi giorni è giustamente citatissimo il  post di Marco Delmastro, per esempio.
    Dire che un risultato "sbagliato" screditerebbe l'immagine della scienza mi sembra una cosa diversa. Credi che se invece il risultato fosse "giusto" Einstein ne uscirebbe male? Se fosse così ci sarebbe un problema a monte, legato ad un'idea sbagliata di scienza come costruzione monolitica e perfetta. Invece questa potrebbe (avrebbe potuto? l'occasione è già persa?) essere una buona occasione per vedere e far vedere come funziona il meccanismo: come si presentano i risultati, come si cerca di verificarli/falsificarli, come si costruisce il consenso all'interno della comunità scientifica.

  14. utente anonimo ha detto:

    Forse mi sono espresso male, ci riprovo.
    Un risultato "sbagliato" non è un danno per la scienza, anzi fa proprio parte del metodo scientifico come tu ben sai….
    Quello che mi preoccupa è l'idea che viene diffusa della scienza.
    Se oggi tutti (o quasi) i mezzi di informazione affermano, come un fatto certo e provato, che i neutrini sono più veloci della luce e domani viene fuori che non è vero, chi conosce il metodo scientifico sa che è il modo normale di procedere della ricerca, ma per la maggior parte della gente vuol semplicemente dire che anche gli scienziati le sparano grosse e che quindi forse Giacobbo ha ragione… e nel 2012 finirà il mondo!
    Purtroppo penso che sia stata un'occasione persa per spiegare praticamente in cosa consiste il metodo scientifico…

    Grazie per la segnalazione del blog di Marco Delmastro!
    Ciao.

    Voulaz

  15. LGO ha detto:

    Se siamo in vena di segnalazioni e non lo conosci, ti segnalo anche questo.
    Dove troverai una discussione su quello che è successo in rete (e fuori) in questi giorni 🙂
    Io non so se la faccenda del tunnel abbia davvero contribuito a buttare in vacca la discussione sui neutrini superluminali, in rete (e in giro per il mondo) c'è una bella percentuale di persone che vogliono solo cazzeggiare – per cui se devono fare battute sul tunnel ci stanno, ma la curiosità si ferma lì -, però magari da lì segui il filo rosso dei link e ti ritrovi in posti interessanti.
    ciao 🙂

  16. LGO ha detto:

    Ops: mancava il link 🙂

  17. utente anonimo ha detto:

    eh, ma io non ce l'avevo con chi cazzeggia, lo faccio spesso anche io, è la sciatteria di chi produce certi comunicati che sono causa del cazzeggio che mi irrita ed i giornali che poi cambiano mira e parlano solo di quello 

  18. LGO ha detto:

    I giornalisti sono un sottoinsieme degli abitanti del pianeta, con difetti nella media, direi.  Cazzeggiare, poi,  cazzeggiamo tutti.
    Però, a qualche giorno di distanza, direi che la storia del tunnel ha reso famoso questo risultato: per le cose di scienza vale lo stesso principio della pubblicità delle mutande? Purché se ne parli, qualunque mezzo va bene?
    Non lo so 🙂
    Fatto sta che 'sta storia dei neutrini e della velocità della luce ormai la sanno proprio tutti.

I commenti sono chiusi.