In the Air tonight

 

Era in fila davanti a me e canticchiava, coi quaderni in mano, mentre il figlio chiedeva un'altra penna rossa.
Uomini della radio, donne, ggiovani dj, ma come vi viene in mente di mandare una roba così alle cinque di pomeriggio mentre si aspetta pazientemente di spuntare la lista delle maestre, cinque quadernoni a quadretti di un centimetro, un quadernino per le comunicazioni e tre matite?
Uomini della radio, donne, ggiovani dj. Ora è il momento giusto, ora. Con questo buio denso e la luna affogata nel nero, la finestra aperta e l'orario delle lezioni (provvisorio, sia ben chiaro) ancora tutto da imparare.
Anzi, tra un po'.
Prima, devo pensare alla mia quinta.
A quelli che oggi erano lì a chiedere Allora, che si fa? Cominciamo? e dopo, alla fine, erano ancora lì intorno a fare domande.
Un giorno dovrò ringraziarli, per questo.

 

Per quanto, dopo, se proprio siamo in vena di tuffi nel passato, potrei pure concedermi questa:

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a In the Air tonight

  1. anto561 ha detto:

    Ohibò !

     Ma allora NON sono l'ultimo sopravvissuto amante dei Genesis (anzi, direi visto l'album) "High" Genesis, quelli con ancora Peter Gabrie e Steve Hackett !!! !!!

    Anonimo SQ

  2. LGO ha detto:

    Che modo carino di farmi sentire vecchia vecchia assai :-)))

I commenti sono chiusi.