Alta tecnologia

No, dico. Siamo partiti per le vacanze (in questa famiglia ormai è chiaro che la mia presenza è puramente accessoria, e tutto fila alla perfezione anche se io non ci sono: anzi, meglio) sotto una pioggia battente, che si è trasformata in un temporale megagalattico lungo il tragitto. E non è che abbia intenzione di smettere, stando alle previsioni.
Il marito si è procurato una chiavetta internet. Non per amore. Per amore si era procurato certi dolcetti speciali che avrebbero dovuto ricordare altri dolcetti speciali assaggiati in passato, poi se n'è mangiati una buona metà prima di rivedermi, ma basta il pensiero. Il pensiero mi ha commossa.
Insomma, la chiavetta. La chiavetta lui me la presta, con l'aria di chi amorevolmente procura il bicchiere all'alcolizzato, e io con la scusa di leggere le mail me ne impossesso – devo ancora rimettere in ordine le trecentosettantadue arrivate nell'ultimo mese.
Ma la chiavetta fa di testa sua, e la sua testa è lenta e non reagisce agli stimoli.
Apri la posta, dico, e quella nicchia.
Fammi scrivere un post, allora, ma quella canticchia sue assurde canzoncine mentre io  fremo.
Fammi vedere le foto su fb, ti prego, la imploro. Ma quella gira a vuoto.
Domani dovrebbe piovere.
Ho finito il libro che avevo e non sono pronta per gli altri che ho portato.
E la chiavetta fa finta di non sentire.
Che faccio, tormento i figli coi compiti delle vacanze?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Alta tecnologia

  1. LaVostraProf ha detto:

    Sì, mi sembra ovvio. Dovrai pure sfogarti da qualche parte…
    😉

  2. povna ha detto:

    Allora, in ordine sparso:

    – per le foto ti rassegni;
    – per la posta vai all'internet point, è più pratico;
    – per i post in via del tutto eccezionale li scrivi prima in word (così poi devi solo copiare);
    – per il libro nuovo ne compri un altro più leggero (Vargas?);
    – ma soprattutto: tornei di carte!!!!

    i compiti? un'oretta prima del torneo…!

  3. utente anonimo ha detto:

    Mi sembra che ti abbia già speigato tutto la 'povna e io concordo, sto anche leggendo Varagas, in francese per tirarmela un po', e vale la pena, baci esperiamo venga il sole, extramamma

  4. LaVostraProf ha detto:

    Vargas (La Vargas) anche per me. Se poi puoi leggerlo in francese come extramamma, ti risparmi il fatto che la nuova traduttrice ogni tanto si dimentica che in italiano esistono i congiuntivi…

  5. utente anonimo ha detto:

    La 'povna è un capo.

    Internet point, di corsa. E  Vargas (L'armée furieuse è l'ultimo ed è BELLISSIMO). 

    Io sono al mare e partendo mi son detta: ma ti stai portando troppo da fare. Non mi ricordavo QUANTO sono lunghe le ore sotto l'ombrellone; tra oggi e domani finisco il primo lavoro all'uncinetto e il primo di tre romanzi.

    Ho cominciato le Cronache del ghiaccio e del fuoco (dopo aver visto Game of Thrones, sconsigliabile ai bambini ma molto bello) e mio cugino voleva prestarmi solo i primi due dei dieci volumi. Menomale che ho insistito e gli ho fatto anche il terzo.

    Buona vacanza

    Castagna

I commenti sono chiusi.