PhoneCrazy ovvero Il Pollice Opponibile

CoSmos è uno studio internazionale sull'uso del cellulare e sugli effetti  sulla salute che ne potrebbero derivare.
Anche se non ci sono dati conclusivi, i campi a radiofrequenza sono possibili agenti cancerogeni e l'uso del cellulare è sconsigliato ai bambini sotto i dodici anni.
Tanto più dovrebbe essere sconsigliato se l'anno scolastico dei bambini di cui sopra non si è concluso in maniera brillante.
Intendiamoci, nulla di serio. Quanto basta per essere imbarazzati in una famiglia dove tutti, dai nonni più anziani ai fratelli più minuscoli, ti guardano alzando il sopracciglio se non hai tutti nove e dieci.
Insomma, mi rendo conto che qui la responsabilità maggiore è la mia.
Sono io che spacco le balle dalla mattina alla sera se le prestazioni non sono perfette – e questo probabilmente è l'esito. Sono io che tarpo le ali, metto veti e impongo modelli.
Io non sono una che può transigere – la vita è tua e ti amo lo stesso, fa' come vuoi. No.
Non ho altro da dare ai miei figli che quello che saranno in grado di fare da soli, e se non avranno un bel culo nella vita sarà troppo poco.
I loro genitori non ne hanno avuto troppo, tanto per dire.

Quindi oggi L ha avuto il suo primo cellulare.
Sembra assurdo, no?
E invece son qui a far la parte del poliziotto cattivo – ma se serve, va bene tutto.
E lei ha già il pollice opponibile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

7 risposte a PhoneCrazy ovvero Il Pollice Opponibile

  1. RobertoilGrigio ha detto:

    Bene così. Sicuramente ne farà un uso corretto 

  2. utente anonimo ha detto:

    Un dilemma che conosco, con alcuni anni di anticipo rispetto a te (il prossimo anno va a scuola in bici con l' amichetto che abita da ste parti e il cellulare e il signore li accmpoagni).

    Mammamsterdam

  3. lanoisette ha detto:

     eh, niente… L sta crescendo.

  4. LaVostraProf ha detto:

    Per gli anni conclusi in maniera non brillante sono un'esperta e stasera i sensi di colpa mi mangeranno più delle zanzare, anche perché io non ho spaccato le balle mattina e sera.
    A volte mi sono stravaccata sul letto e ho detto: ci penserò domani.
    E poi magari domani era tardi.
    Comunque, puoi immaginare come passerà la figliola questa settimana che manca all'orale di maturità.
    Mi hai dato la carica.
    Alla carica!

  5. LGO ha detto:

    @Grigio: ma no. Ne farà un uso scorrettissimo, ma deve passarci anche lei 🙂

    @Mammam: se fosse solo per andare e venire da scuola, non avrei ceduto: quest'anno ce la siamo cavata bene anche senza 😦

    @Noisette: eh, sì. Un po' a modo suo

    @Prof: solo che domani è tardi lo scopri quando ormai il domani è arrivato e anche il dopodomani. Io a rompere le balle devo dire che mi ci trovo bene, è nella mia natura 😉 ma con lei, ecco, me lo risparmierei volentieri. Preferirei rompere le balle a qualcun  altro
    In bocca al lupo alla figliola, e non demordere 😉

  6. povna ha detto:

    Da non mamma, quindi il commento vale latta: così è, così deve essere. Meglio un cellulare oggi che un "volevo ma non potevo" domani. Così poi sarà sempre in tempo a pensare che tutto sommato non è 'sto gran che, e il caffè lo fa ancora meglio la moka…

  7. LGO ha detto:

    @'povna: i commenti delle non mamme valgono oro, sappilo 😉

I commenti sono chiusi.