Livia

Il caldo di Roma era lo stesso di ora, credo, forse meno appiccicoso e insistente.
Prendevano il trenino la mattina alle sei, per andare a Ladispoli a fare i bagni, doveva essere il 1910 o giù di lì se la sorella aveva già 18 anni.

I ferrovieri avevano la possibilità di avere biglietti e abbonamenti gratis per andare in treno e noi andavamo in treno al mare vicino a Roma, a Ladispoli. Le nostre mamme ci facevano alzare presto per farci preparare. Uscivamo di casa alle sei, andavamo alla stazione e prendevamo il trenino per Ladispoli. Ci voleva un'ora per arrivare: si correva per prendere una cabina e facevamo i bagni, poi si faceva merenda. La gente di solito arrivava verso le dieci; noi invece tornavamo a casa per il pranzo. Per diversi anni abbiamo fatto queste gite, c'era anche nostro cugino, Sergio Costa. In quell'oretta di viaggio in treno mia sorella, (aveva 17 o 18 anni) organizzava un po' noi ragazzini, in queste vetture di terza classe. Ci faceva fare dei giochi sul genere di: "…è arrivato un bastimento carico di …”. Enrico non giocava mai con noi. Si metteva in un angoletto vicino al finestrino, dall'altra parte. Questi vagoni avevano un posto per tre persone e altre tre di faccia e noi lì eravamo questo gruppetto. Enrico invece stava dall'altra parte, dove c'era un posto solo. Si portava una lavagnetta e un pezzo di gesso e non giocava mai insieme. Non con Giulio, Giulio giocava con noi. Lui invece si isolava sempre, non parlava. Non so cosa ci facesse con questa lavagnetta: dei conti, dei calcoli, dei disegni … Non mi ricordo perchè io ero occupata a giocare.
(da qui)

(1927, con Segré e Rasetti a Ostia)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Livia

  1. povna ha detto:

    A poter fare bene la traccia: quanti, in Italia? 😦

  2. LGO ha detto:

    C'era da scrivere per ore, però in effetti è parecchio laterale rispetto ai programmi.
    Anche l'anno passato la traccia di argomento tecnico scientifico era fortemente a rischio di dire fesserie.
    Oltretutto, in genere la correzione dei temi si fa per aree disciplinari, il che vuol dire che corregge il commissario di italiano. Non tutti accettano/richiedono una consulenza…

  3. LGO ha detto:

    p.s. ho provato a vedere se c'è qualcosa che non va nel pop up dei commenti, ma non ho concluso nulla 😦

I commenti sono chiusi.