Lanci

Oggi, mentre ci affaticavamo sulla semplificazione delle frazioni algebriche, in classe è volata una pallina.
Io sono molto colpevole, perché stavo spiegando a Maurizio che a diviso a fa 1, cosa che lui si rifiuta pervicacemente di accettare – si sa, la matematica richiede atti di fede – e intanto intimavo a  Elena di mettere via il Bambino col Pigiama a righe  (Ma Prof, è così commovente! Non posso resistere, devo sapere assolutamente come va a finire! La prego).
La pallina volava altrove, con traiettoria perfettamente parabolica, in direzione della parete nord ovest della classe.
Io sono molto colpevole perché non ho visto chi l'ha lanciata.
Vedendola atterrare, ho lasciato perdere Maurizio, e ho dimenticato Elena (che si è subito rituffata nel libro).
La classe si è immobilizzata per qualche secondo, mentre ci guardavamo intorno e qualcuno arrossiva, qualcuno strusciava i piedi.
Il cestino straripava in silenzio.
Per terra, in certi angoli nascosti, decine di palline testimoniavano una intensa mattinata di sofferenza.
E' duro avere quattordici anni e scaldare la schiena sotto il sole che entra a fiotti dalle finestre mentre traduci Fedro e Anna, davanti a te, decide che è arrivato il momento di togliersi la felpa. Fa già troppo caldo.
E' duro, ma è il nostro destino.
Quindi abbiamo preso il diario e comunicato ai genitori che da domani faremo i turni all'ultima ora per lasciare l'aula in condizioni più accettabili. E non lanceremo più palline.
E ora speriamo che il TG1 oggi faccia il suo dovere, e ci riferisca le notizie davvero importanti (L'invasione delle truppe di Vega sarà risolta in cinque ore. Caprera sarà sede della Oktoberfest e saranno realizzati un ippodromo, un giardino botanico tropicale e un sexy club; inoltre chiederemo per l'isola il Telegatto (*)).
Che un virus colga tutti i pc dei miei studenti, che fbook abbia il cagotto e che nessuno si sogni di nominare L'InnominabileDellaDifesa (?) invano. E anche quello della Giustizia (??).
Ché già ho i miei problemi a spiegare che c'è merito e merito, ma non voglio anche ritrovarmi, domani, a pulire l'aula da sola.

(*) Da qui.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Lanci

  1. emilystar ha detto:

    certo che anche tu, nn lasciarle finire il libro……nazista!

  2. utente anonimo ha detto:

    Per un attimo ho pensato che li avresti portati tutti giù in cortile lasciando a diviso a al suo destino .. ma poi lo so che la tua risoluzione è quella più giusta ma quest'oggi (nonostante sto macello in cui mi trovo) sento anche io la primavera … che te devo da dì???

    (e non nomino nè voglio sentire nominare le maialate di ieri, le sceneggiate nemmeno e men che mai quella del filo interdentale che adesso dice che mira alla Farnesina)

    (io sono convinta che ci sveglieremo e sarà stato solo un sogno, brutto però)

    /graz

  3. lanoisette ha detto:

    quando arrivano le belle giornate… è la fine!!!

  4. utente anonimo ha detto:

    Bellissimo il link al bugiardometro!!!!!
    stupendo 🙂

    ciao, tieni duro, ho già la t-shirt anche qua al nord fa caldissimo
    extramamma

  5. utente anonimo ha detto:

    Io, fosse stato canestro nel cestino, avrei quantomeno gioito. A seguito della felicità avrei poi comunicato ai genitori le mie congratulazioni per il canestro da fuori area (e che cacchio, non posso fare i complimenti a uno, li farò almeno a tutti no?).

    Bongio

  6. LGO ha detto:

    In classe ho il capocannoniere della scuola 🙂

I commenti sono chiusi.