ganbatte

 

Ganbatte è l'unica parola che ho capito.

Certo, uno potrebbe dire che è un modo sottile di fare propaganda, facendo passare un messaggio tutto sommato rassicurante, in modo che i bambini crescano accogliendo il nuclear boy nelle loro case e nelle loro vite.
Che sarà pure vero.
Di contro, mi colpisce sempre questa attenzione ai bambini.
I bambini.
Bisogna interrogarsi su cosa pensano. Vanno rassicurati. Vanno loro spiegate le cose.
Ci si investe tempo ed energia, per spiegare le cose ai bambini.

Proprio come facciamo noi in Italia, no?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a ganbatte

  1. benzinagricola ha detto:

    Una medicine, certo, basta che non sia una bad medicine. Nuclear boy, sticazzi. Ho poche certezze nella mia vita: quella di essere fermamente contrario al nucleare è una delle mie certezze. E comunque noi i bambini li educhiamo eccome, adesso c'è anche il nuovo spot con il Berlusca che invita a visitare le bellezze d'Italia.

  2. icecimatti ha detto:

    ecco, esatto, e tra le altre cose siamo l'unica nazone che non ha ancora dato la sua solidarietà monetaria al Giappone.
    http://www.youkosoitalia.net/2011/03/22/sakusen-tomodachi-missione-amicizia/

I commenti sono chiusi.