Lezioni di canto in lingua straniera – 1

Finchè la piazza non è esplosa in un ballo liberatorio, il piccolo O alla manifestazione di domenica si annoiava.
Anzi. Aveva proprio detto
Mamma, che palle questa manifestazione.
Ora, quando un bambino dice che palle, bisogna correre ai ripari.
Tipo spiegare, con aria poco credibile, a non dire che palle.
Tipo raccontare una storia.

(bambini che ascoltano una storia)

Tipo insegnare una canzone.

(canzone scritta su foglio a quadretti)

che poi in italiano sarebbe questa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Lezioni di canto in lingua straniera – 1

  1. LaVostraProf ha detto:

    Ah, che bella. Mai sentita, cantata da DeGreg

    (ma credevo che alla mainfestazione ci fossero dei matti comunisti disgraziati, com'è che era così noiosa? :-P)

  2. LGO ha detto:

    Bella anche in friulano 🙂

    No, quando hanno cominciato a ballare si sono divertiti.

  3. musicamauro ha detto:

    eh! ma De Gregori ha pure una ragione personale per cantare quella canzone là
    (cmq 'sta storia che i bambini si annoiano alle manifestazioni sarebbe da non divulgare troppo ;-))

  4. LGO ha detto:

    Anche noi abbiamo la nostra ragione personale 😉
    (No, niente: mio padre è un friulano trapiantato quaggiù)
    Quella di De Gregori qual è, che non la so?

  5. LGO ha detto:

    Ah. Ho letto. Porzus.

  6. lerinni ha detto:

    i miei se la son passata: c'erano tanti di quegli amichetti, alla manifestazione! e poi, sotto lo striscione "le nostre mamme non sono in vendita", si sentivano molto fighi!

  7. utente anonimo ha detto:

    Quant' che a ciase tu sês sole
    e di cûr tu preis par me,
    il miò spirt ator ti svole:
    jo e la stele 'o sin cun te.

    Quando a casa sarai sola
    e di cuore pregherai per me
    il mio spirito ti aleggia attorno:
    io e la stella siamo con te

    Non mi tirare sul ghiaccio, che è una delle mie canzoni preferite

    Thu'

    (e la parola antispam è "cuj", che in friulano vuol dire "chi")

I commenti sono chiusi.