Il tempo passa

Quando ero piccola e andavo a trovare il nonno, non aveva ancora la moto. O forse sì, ma non ci facevo caso.
Poi pian piano è diventato uno di quei tipi che hanno l'Harley Davidson e il giubbotto con le borchie.
Il giubbotto e i calzoni e gli stivali: tutto nero e con le borchie, estate e inverno.
Oggi l'ho incontrato mentre facevo la spesa al mercato e mi ha sorriso gentilmente. Ha pagato la sua carne tirando fuori dalla tasca un portafoglio enorme, con le borchie, che tiene appeso a una catena gigantesca.
Peserà almeno un chilo, la catena.
Dicevo: ha pagato, e poi è andato via con i lunghi capelli ingrigiti nella coda di cavallo e  gli stivaloni neri e borchiati. Un colpo di tacco ha spiaccicato delle foglie di broccoletto cadute da una banchetto lì vicino.
Tornando a casa, l'ho visto al lavoro.
La sua Harley è sempre parcheggiata davanti al negozio che ora manda avanti al posto della madre.
Lui era lì dentro che stirava.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il tempo passa

  1. utente anonimo ha detto:

    Oddio… ma è bellissima questa descrizione…

    Castagna

  2. musicamauro ha detto:

    bellissima davvero, soprattutto oggi.

  3. CloseTheDoor ha detto:

    oddio è meraviglioso…… è tutto vero??? posso linkarla a mio marito per s. valentino????

  4. LGO ha detto:

    Mi è venuta fuori così!

    Close: sì, è vero. Ma il marito vuole mettere su una lavanderia?

I commenti sono chiusi.