Una settimana sola

– Allora, oggi com'è andata a scuola?
– Abbiamo fatto un tema a sorpresa.
– ?
– C'erano tre tracce. La prima sull'immigrazione, la seconda sul bullismo, e la terza sui supereroi.
– ??
– Se potessi avere un superpotere per una settimana, cosa sceglieresti? Prima di rispondere rifletti bene.

Avrà fatto quello sui supereroi.
Mia madre da qualche parte conserva ancora un tema sul divorzio che feci alle elementari.
La mia maestra delle elementari era una signora sull'orlo della pensione, vedova e sempre vestita di nero. Molto rigida, molto sulle sue. Io ero l'unica bambina ad avere l'esonero dall'insegnamento della religione.
Poi, d'estate mia madre mi mandava in colonia a Venezia, erano delle colonie estive organizzate dall'UDI, si andava al mare cantando Bella Ciao e il pomeriggio si facevano lavoretti. Un anno, il tema dei lavoretti era stato il divorzio.
La signora nel vestito nero chissà cosa pensava. I miei le piacevano, sono sicura.
In ogni caso, le piacevo io.
Ecco, io avrei lasciato da parte il tema sui supereroi.

– E tu cos'hai scelto?
– Ho fatto quello sull'immigrazione.
– Ah.
– Le tracce le ho sulla brutta, se vuoi te le faccio vedere.
– Sì, dai.

Bullismo. Parla delle tue esperienze personali e proponi la tua soluzione al problema.
Be', non l'avrei fatto neanche io, al posto suo. Esperienze personali non ne ha. Una soluzione?
No, al posto suo non l'avrei fatto. Neanche al posto mio.
Certo, anche sull'immigrazione uno rischia di dire solo banalità. In fondo, ha undici anni.

Comunque, qualcuno a questa figlia dovrà insegnare come si scrive, ed è meglio che io cominci a darmi una mossa (ah, no, non voglio dire che devo farlo io, ma posso sempre usare la storia delle colonie dell'UDI per ricattare chi sa farlo molto meglio di me).

E poi.
Se avessi un superpotere per una settimana, vorrei il controllo antiminzolino.
La casalinga di Voghera al suo posto vedrebbe l'astronauta Spiff tutto il giorno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Una settimana sola

  1. LaVostraProf ha detto:

    Fammi la spiega: tre temi così e nessuno di essi preparato in precedenza?
    Se lo sanno i miei alunni chiedono il trasferimento.
    Se poi mi dici che tua figlia non deve nemmeno fare la scaletta del tema (possibilmente prima di scriverlo), avrai lì i miei virgulti in un amen.

    p.s.: io, in più do una traccia soltanto…

  2. LaVostraProf ha detto:

    p.s.: e se posso fare la maestrina: se quella che hai trascritto è una delle tracce, ecco, NON è una traccia (damn!)

  3. musicamauro ha detto:

    io non sono così pistino come la nostra Prof, quella potrebbe anche essere una traccia, ma quel che fa cader la braccia è l'ormai vetusto e inutile: proponi una soluzione al problema.
    Pertanto, riformulata, la traccia sarebbe così: Bullismo: scrivi qualcosa.

  4. utente anonimo ha detto:

    Il controllo antiminzolino lo vorrei anch'io 🙂

    ciao extramamma

  5. LGO ha detto:

    Prof: Sulla preparazione pre, c'è un mistero fitto. Pareva di no, però forse, un paio di mesi fa, hanno parlato di bullismo. Non so che dire. Ah, sì: da qualche parte un problema di comunicazione ci deve essere. Io a ragazzi di almeno tre anni di più ripeto le cose venti volte, per essere sicura che abbiano capito cosa devono fare.
    La scaletta è un altro mistero. La versione più accreditata è che devono scrivere alcune idee, poi cancellarne un po', e rimepire massimo una colonna e mezzo di foglio.
    Lascioti immaginare il risultato.

    Musicamauro: io pensavo che "proponi una soluzione " fosse un invito ad andare fuori tema o scrivere fesserie, così ad occhio. Me lo confermi?

    @Extra: Però ero indecisa. In fondo, perché non provare il viaggio nel tempo e spararsi una settimanella a spiare Robespierre, oppure a giocare con gli orologi ad acqua insieme a Galileo? Nel retrobottega, ovviamente.

  6. utente anonimo ha detto:

    Guarda a me a otto anni scarsi chiesero un tema a casa sul rapimento di Moro e a me girvano talmente le scatole che diciarai alla prozia cattoDc e monaca di casa che per quanto mi riguardava non me nefregava niente, che lo facessero fuori o meno. Alla povera vene un sincopo, io con gli anni mi sono perdonata la cattiveria, ma mi chiedo se chi ci ha proposto un tema del genere se lo sia mai perdonato.

    Aborto, divorzio, violenza sessuale come delitto contro la morale, cosa diresti a un brigtista se lo incontrassi, ma che temi non ci hanno fatto fare?

    Da denunciarli alla Convenzione di Ginevra.

    brava la gnocchetta che ha sceto immigrazione, in effetti non è che ci fosse troppo da scegliere.

    Mammamsterdam

  7. RobertoilGrigio ha detto:

    Spero non abbia deciso di parlare dell'emigrazione dalla Lombardia alla Calabria di personaggi famosi … 

  8. lanoisette ha detto:

    oggesù, che temi del menga.
    quoto la prof.
    scaletta, scaletta, scaletta ora e sempre.

    io do più tracce (secondo me è un buon esercizio per imparare a scegliere: quale tipo di testo mi viene meglio, su cosa ho più idee…), ma tutte che prendono spunto da cose su cui abbiamo lavorato.

  9. madamabavareisa ha detto:

    ciao, forse hai già letto qualcosa dalla povna o da viviana… ma di già che son passata…!
     Dopo il successo della precedente contro l’omofobia, decolla una nuova iniziativa food-bloggers contro l’atteggiamento indegno del Governo nei confronti delle donne. Qui trovi tutte le info. 
    http://merendasinoira.wordpress.com/2011/01/24/entro-il-6-febbraio-liberiamoci-del-maiale/
    http://kemikonti.blogspot.com/2011/01/nuovo-post.html
     

  10. LGO ha detto:

    @Noisette: tu sai bene che non è mai dato sapere, esattamente, su cosa si è lavorato in classe, perfino parlando con chi c'era 🙂

    @Madamabavareisa: grazie di essere passata! La 'Povna mi aveva avvertita, dato che sabato abbiamo ospiti mi concentrerò sul maiale 🙂

I commenti sono chiusi.