Giovedì

Sono giornate piene, e anche la scatola, qui davanti a me, ribolle.
Il nucleare.
La Fiat.
I corpi.
I morti in Tunisia.
La triscaidecafobia.

Ma come si fa a raccogliere le idee quando ti accorgi che sotto il tuo tavolo striscia una minorenne con il casco da bici in testa e in mano le bacchette della batteria? Mentre un altro minorenne arriva con un suo quadernetto sul quale devi scrivere il tuo vero nome? E intanto dichiara:
– Io sono una vera spia africana.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Giovedì

  1. RobertoilGrigio ha detto:

    Vero. La spia l'ho assoldata io e ho anche concesso la licenza di rompere … 

  2. LaVostraProf ha detto:

    Che bello, però
    Ogni volta che arrivo qui mi insegni una parola alla quale non avevo mai pensato 🙂

  3. povna ha detto:

    mi sa che l'unica risposta possibile è: non ti concentri e sorridi. 🙂

I commenti sono chiusi.