Ultimatum

Oggi, mentre i miei blogger preferiti gozzovigliavano a 480 km da qui -più o meno-, sono riuscita a restare quasi tutta la giornata con le chiappe incollate alla sedia.
Ho prodotto un quizzone, un non quizzone e un cruciverba.
Ho rischiato il divorzio dal nano, che a un certo punto è comparso con lo zainetto sulle spalle
– Me ne vado da questa casa.
– Ah, sì?
– Sì, vado a stare dai miei veri genitori.
– Ah, sì?
– Basta dire solo Ah sì!
– Allora vieni qui, ti saluto per l'ultima volta. Vieni in braccio.
– Va bene. Allora me ne vado domani.

La cena ne ha un po' risentito.
E' venuto fuori un burghul con pollo e ceci.
– Mamma, ma io lo odio i ceci!
– A me i peperoni fanno schifo!
– Questo non è couscous, è burghul, non mi piace!
– I ceci sanno di pesce con le spine!
Dato che i ceci, poveretti, a me invece piacciono, mi sono risentita.
– Ok, adesso basta. Invece di fare tanto gli schizzinosi, avete tempo due giorni per prepararmi una lista scritta dei cibi che volete mangiare. Sono vietate le schifezze, le cose fritte, il cioccolato a fiumi, la pasta in bianco e i formaggini per neonati.

Ora aspetto, e tremo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Ultimatum

  1. povna ha detto:

    🙂 la prossima volta anche tu, però…!

  2. utente anonimo ha detto:

    Il nano mi ha fatto una tenerezza enorme, sembra nr. 2 mio quando gli viene la botta di autolesionismo, ma poi con una coccola in braccio tutto si aggiusta.

    Tu pure mi hai fatto tenerezza a lavorare mentre gli altri gozzovigliano.

    L'ultimatum è un'idea geniale, ci devo lavorare anch'io, faremo una lavagnetta con la lista delle cose che vogliamo mangiare e i maschi possono metterci delle piccole indicazioni che accoglierò come suggerimenti.

    Sssseeee, come i ringraziamenti dell'Avvento, che lo dico sul blog ma non ai diretti interessati e ieri non siamo riusciti a farlo.

    Mammamsterdam

  3. icecimatti ha detto:

    anche io ho fatto questa pazzia della lista….da allora mangiamo sempre polpette !

  4. LaVostraProf ha detto:

    No, no, che lista e lista!
    Si mangia quel che fa la padrona di casa e amen.
    E assolutamente niente ceci, per piacere! 😛

    (nessuno ha gozzovigliato, si è soltanto piluccato qualcosina qui e là)

  5. vnnvvvn ha detto:

    Confermo… niente gozzoviglie… è per questo che abbiamo camminato tutto il pomeriggio!
    Per non sentire i morsi della fame 😛
    la prossima è più a sud. parola di boy scout (è vincolante il fatto che non ho fatto i boy scout?)
    😀

  6. RobertoilGrigio ha detto:

    Bastoncini Findus … ? no, eh.

  7. utente anonimo ha detto:

    noi abbiamo una lista per ogni figlia, con i "piace" e i "non piace".
    poi si mangia quel che c'è.
    io sono un tiranno illuminato, ma pur sempre un tiranno.

  8. lanoisette ha detto:

    se vuoi ti mando il Benza, così fanno la lista insieme.

  9. utente anonimo ha detto:

    Io adoro i ceci!
    (ma per il resto sono d'accordo con LaProf)

    Thu'

    [OT: son sempre più lunghe queste parole antispam… quasi quasi devo digitare meno a loggarmi]

  10. lerinni ha detto:

    io adoro i ceci, ho odiato le nostre pseudo amiche che hanno gozzovigliato lasciandoci a casa e non posso che disapprovare tutta questa democrazia! che idee sono?! si mangia quello che 'sta disgraziata riesce a mettere insieme! 😛

  11. giobongio ha detto:

    Una volta a casa eravamo arrivati a questo genere di ultimatum. Eravamo arrivati perfino a redigere un menu settimanale dettagliato di pranzi, cene e colazioni. Credo che lo abbiamo rispettato sì e no tre giorni. Però è stato bello, via.

    Bongio

  12. emilystar ha detto:

    la lista!!! ma che idea meravigliosa! stavo pensando di organizzarmela anche io: gli faccio mettere però 5 primi e altrettanti secondi e contorni, altrimenti mi mettono solo pizza e hot dog!

  13. LGO ha detto:

    @Bongio: c'è stato un periodo della mia vita in cui il menù settimanale veniva compilato su un foglio excel. L'idea era che chiunque sapesse cosa bisognava preparare, che spesa fare, quando farla…Devo specificare che l'idea non era mia? Naturalmente ho la massima stima dei fogli excel, ma quando è troppo è troppo. Sì, è stato bello 🙂 Ne ho ancora qualcuno…

    Quanto alla lista, in realtà è arrivata poco dopo, e non so come si è persa. Nonostante qualche orrore di grammatica, dovuto all'influenza del dialetto -tipo faggiolini– dal punto di vista nutrizionale era abbastanza corretta.
    Comunque era solo un tentativo di responsabilizzare i minorenni, ché tanto si sa che si mangia quello che passa il convento, e poche storie 🙂

I commenti sono chiusi.