giustificazioni

Quelli di voi che ieri erano assenti mi portano la giustificazione, per favore?
Sono un po'. Leggo in fretta le motivazioni e firmo i libretti.
Manifestazione.
Manifestazione.
Manifestazione.
Motivi personali.
Prof. La vicepreside una volta si è arrabbiata e ha detto che non dobbiamo scrivere "manifestazione" per giustificare un'assenza. Allora ho scritto "motivi personali".

A volte le motivazioni degli adulti mi sfuggono. Non capisco la logica.
O forse la logica non c'è, semplicemente con l'età si perdono i freni inibitori e si pensa che ogni frase formulata deve avere valore in sè, per il solo fatto che le corde si siano tese e una vibrazione abbia perturbato un po' l'aria.
Quindi oggi, mentre meditavo depressa sul fatto che i ventenni si devono arrampicare sui monumenti mentre i quarantenni ed oltre si accalorano sul pagamento o no degli incarichi, ho compiuto senza saperlo un gesto di rottura accettando che andare a una manifestazione giustificasse l'assenza da scuola.
Portatemi via.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a giustificazioni

  1. povna ha detto:

    Scena. Stamani, metà della prima ora. Quelli che non fanno religione (che sono inevitabilmente anche gli spiriti più affini) sono nell'aula dei maculati più pochini. Io arrivo prima, come sempre. E, come sempre, vado da loro. E' un coro:
    "Buon giorno, prof., bene arrivata: ieri a occupare i binari c'era anche lei, vero, nella piccola città?!"
    Non ho risposto. Ho sorriso. 

  2. lilavati ha detto:

    quanto vi voglio bene…

  3. lerinni ha detto:

    due grandi. lgo e la povnuzza.

I commenti sono chiusi.