Domenica

Poco fa, tornando dal parco tutta sudata, con i pantaloni color melanzana e la maglietta bianca sformata – forse è pure bucata – che era di mio fratello quindici anni fa, sono rimasta folgorata.
Con la scuola così vicina, magari quei ragazzotti accampati sui motorini fuori dai cancelli me li ritrovo in classe la prossima settimana.
E che palle.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Domenica

  1. LaVostraProf ha detto:

    E poi mi chiedono perché non chiedo il traferimento vicino a casa…

  2. lerinni ha detto:

    ma che palle davvero! non ti toccherà far la seria, vero?!

  3. LGO ha detto:

    @Prof: eppure, le due ore di viaggio che mi risparmio ogni giorno non sono mica da buttare @Eri: io sono sempre serissima

  4. LaVostraProf ha detto:

    Ah, ok, sì, io risparmierei soltanto dieci minuti…

  5. lanoisette ha detto:

    beh, basta comprarsi un completino da jogging nuovo, no?

  6. povna ha detto:

    i vantaggi del pendolarismo: è quello che mi ripeto anche io, quando vado a prendere il treno alle 6.50 del mattino (ma anche, c'è da ammetterlo, durante le sere tra bicchierini e piazzetta, con Viola e/o gli amici vicini)

I commenti sono chiusi.