Cronache da molto lontano

Alle cinque del mattino, ora locale, hanno aperto gli occhi come un sol uomo.
Alle sei il nano ha avvistato uno scoiattolo fuori dalla porta di casa.
Alle sette di domenica mattina, in giro per Montreal, non c'è nessuno.
Alle sei di pomeriggio stavano ancora camminando, in mezzo a mimi e giocolieri.
Certe giornate non finiscono mai.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Cronache da molto lontano

  1. LaVostraProf ha detto:

    Ma siete proprio lontanissimo :-)))

  2. utente anonimo ha detto:

    Che bello, il Canada.. Però, scusa, ci ingolosisci in questa maniera, e manco pubblichi una foto? Dai, che lì son posti strabelli e c'è solo da scegliere cosa non fotografare..Bongio

  3. lanoisette ha detto:

    wow!ma l'avete trovata la casetta in Canadà?e Charlotte?

  4. LGO ha detto:

    Le foto. Le foto bisogna ricordarsi di farle :-)Ma prima o poi arriveranno pure quelle.@Noisette: ma Charlotte chi diavolo è ???? Aiuto

  5. lanoisette ha detto:

    Charlotte era uno dei cartoni animati della mia infanzia: questa bimba che viveva in Canada, andava a cavallo (invidiaaa!!!) e cercava sua madre…

I commenti sono chiusi.