Portatemi via

La vigilessa sorride ammiccante, calze nere e tacchetti rosa.
Si volta ancheggiando e sculetta, lentamente.

La folla abbozza un ululato di approvazione.

Lei sorride compiaciuta.
Sculetta di nuovo, decisa.
Ancora, e ancora.

Un boato di entusiasmo.

No, non è un porno soft anni settanta.
E’ la recita di fine anno del piccolo di casa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Portatemi via

  1. RobertoilGrigio ha detto:

    Ma la scuola del piccolo è dedicata a Tinto Brass o a Fassbinder? 

  2. lanoisette ha detto:

    ma a che asilo mandi tuo figlio???

  3. LGO ha detto:

    @Grigio: magari! Almeno, ci sarebbe un senso @Noisette: Comunale? sotto casa? Normale? @MiaProf: E' da quanto avevo quattro anni che aspetto

  4. japhy72 ha detto:

    ma la multa almeno l'ha fatta ??!

  5. utente anonimo ha detto:

    Pardon?Mmmsterdm

  6. LGO ha detto:

    @Simo: aveva solo la paletta. Niente blocchetto, niente multa ;-)@Mammam: sì, davvero. Pardon? Conclusione del progetto sull'educazione stradale, un tot di nani travestiti da cartello segnaletico, due vigilesse di cinque anni. Canzoncine e mossette. Ovazione dei genitori quando la vigilessa sculetta.Ma che deve imparare una bambina dell'asilo, se non che sculettare ti garantisce l'ammirazione sconfinata del pubblico adulto?Però, se provi a dirlo in giro, ti prendono per una noiosissima retrograda bigotta.

  7. utente anonimo ha detto:

    Posso dirmi disgustata o passerrò pure io per retrograda bigotta inacidita?:(((fughetta sloggata

  8. Diamanteviola ha detto:

    Mi è capitato qualcosa di simile ad un saggio di danza moderna…piccole veline crescono!

I commenti sono chiusi.