Piccole donne

La figlia grande va con la scuola alla Festa della Primavera, ospite nietepopodimenochè del Presidente della Repubblica nella tenuta di Castelporziano.
Battendo così la sorella minore, di cui abbiamo le foto mentre il sindaco (non quello di oggi, quello di prima) le fa pat pat sul biondo capino.
Mamma, come mi vesto?
– Non so, ora vediamo, aspetta un attimo che sto finendo un lavoro importantissimo che deve essere pronto domani mattina e se non lo finisco mi licenziano in tronco e voi comincerete a fare la fame.

Torna dopo sette secondi con un vestitino nero vagamente sbrilluccicante dell'inverno passato.
Questo va bene?
– Ma che scherzi? Primo, non è adatto. Metti che vi portano a visitare il parco…E poi ti starà cortissimo, non si va dal Presidente con le cosce di fuori.

Cioè. Perlomeno, non da questo Presidente.
Se aspetti dieci minuti scegliamo qualcosa insieme.
Torna dopo cinque secondi e mezzo con un altro vestitino, viola. Il viola va tanto, quest'anno.
Allora questo, con le scarpe da ginnastica.
– Quelle sfondate che non ti togli mai neanche quando dormi? Magari anche no, eh?
– Ma tu non hai mai tempo, non mi aiuti mai, e non ti va bene niente.

Oddio. Ho bisogno di altri cinque minuti, almeno per finire la frase che sto scrivendo e salvare il file.
– Senti, fai la brava. Magari puoi consultarti con qualche amichetta, vedi un po' loro come si vestono.

Dopo mezz'ora stava ancora al telefono.
Ma tu come fai a farti i capelli mossi? ….Le treccine? Ma prima li asciughi o coi capelli bagnati?….No, io le voglio bene, ma a volte mi fa proprio arrabbiare e mi viene voglia di risponderle male…Hai sentito R come puzzava stamattina? Secondo me si lava una volta al mese…Allora, una maglietta senza scritte?…Dobbiamo studiare la Sicilia e fare il riassunto….Quest'estate che fai?…A me sta troppo antipatico!…

Neanche undici anni. Ci siamo.
E ovviamente è previsto diluvio tutto il giorno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Piccole donne

  1. fra10minuti ha detto:

    E' fortunata a non essere già al secondo volume: Piccole Donne crescono sarà problematico (per mia madre lo è stato).Apprezzi la beata innocenza finchè può 🙂

  2. RobertoilGrigio ha detto:

    Ah, donne … donne …

  3. LGO ha detto:

    @10minuti: apprezzo moltissimo :-))@Grigio: in formato ridotto 😉

  4. LaVostraProf ha detto:

    Ma una foto con privacy salvata, si può avere, sì, della scelta finale?

  5. utente anonimo ha detto:

    Quando ero un piccolo uomo, le piccole donne giocavano con le Barbie, si compravano quei malefici timbri da cartoleria con la faccia di Poochie e li usavano per bombardocolorarti tutte le mani. Quello era il massimo della libidine. Roba che tipo a pomiciare iniziavi a 15 anni se eri il ganzo del quartiere. Oggi a furia di evoluzione, finisce che le femminucce nascono già con la poschette e il lucidalabbra. (E ora mi sa che mangio, chè con la fame mi scatta la malinconia e ci scappano sti discorsi che un vecchio prima di farli ci pensa due volte).Bongio

  6. LGO ha detto:

    Diciamo che tra i dieci e i quindici c'è un abisso. E' che  visto dal basso della decenne quest'abisso promette infinite meraviglie dopo la scalata, visto dall'alto della mamma della decenne è un buco nero 🙂 Chissà…

  7. lanoisette ha detto:

    tu lo capisci, vero, perché averne 10/12/14 di quell'età, in classe, è un delirio?

  8. LGO ha detto:

    Capisco benissimo. Per quanto, anche averne dieci dodici che di anni ne hanno quasi dieci di più e che ti sventolano gli assorbenti sotto al naso spiegando che devono assentarsi per mezz'ora…ecco, anche così non è bello

  9. lameringa ha detto:

    E potrebbe anche straripare il lido di Ostia. Io fossi in te, le farei tirare fuori le galosce, altro che scarpe da ginnastica! 😉

I commenti sono chiusi.