8 marzo

Hanno corrotto la nonna e con la scusa di andare a fare una passeggiata, ché sembra che abbia finalmente smesso di piovere, sono andate a comprarmi un regalino.
Sono tornate a casa tutte orgogliose:
E’ per la festa della mamma.
– Amore mio, non è la festa della mamma!

E così abbiamo fatto una chiacchierata, guardato qualche vecchia foto su Internet, parlato di quando le donne neanche potevano votare.
Mi hanno chiesto cosa vuol dire essere discriminate.
Ho raccontato alle mie figlie di quando sono rimasta incinta, quando mi hanno tolto dal progetto su cui lavoravo per dirottarmi in un altro settore dell’azienda in cui la mia assenza  durante la maternità avrebbe fatto, secondo loro, meno danni.
Ho spiegato a GG, la più piccola, che molti pensano che le donne siano più limitate degli uomini. Ancora trovo qualche studente che me lo dice.
Ma sono tutti svitati????
Bè, certo. A lei deve sembrare una pazzia. Lei prende sempre tutti dieci. Di lei dicono le maestre che è una bambina creativa e molto originale, riesce molto bene in arte, inventa e personalizza con gusto estetico ciò che fa. Partecipa attivamente alle lezioni, le piacciono le novità, si appassiona all’ascolto di testi e alla lettura silenziosa.
D’altra parte, la grande, L, esprime se stessa in modo creativo e personale, utilizzando le proprie attitudini. Legge e comprende in modo autonomo e sicuro testi di vario tipo. Interviene nelle conversazioni contribuendo con riflessioni e conoscenze, riuscendo a difendere le proprie idee. Produce testi ricchi di contenuti, coesi e coerenti.

Che se ne faranno, di tutto questo?

Poi, mentre preparavo la cena, si sono messe a giocare alle sfilate di moda.
Oh, ma che schifezza. Non potete trovare un altro gioco?
– Ma dai, mamma. Lo fanno tutti.

Mi sa che è proprio lì, il problema.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a 8 marzo

  1. utente anonimo ha detto:

    eri partita così bene
    🙂

  2. utente anonimo ha detto:

    mia figlia ultimamente ha scoperto il computer e, per ragioni che non sto a spiegare, sta guardando troppa televisione.

    inoltre ha una madre spesso isterica.
    prima era come le tue. interessata, curiosa, divertita dal mondo.

    adesso vuole solo giocare a giochi idioti per ragazzine in cui veste, trucca e addobba da principesse e modelle aspiranti puttane anoressiche minorenni.

    W l'8 marzo!

  3. LGO ha detto:

    @My: e poi? Sono inciampata in un boa di struzzo :-((

    @Oipaz: anche le mie figlie hanno una madre spesso isterica 😦 Il computer era anche un tentativo per distrarle, data l'assenza di tv e playstation e nintendi vari, e così invece siamo finiti nella vestizione-svestizione compulsiva di bratz virtuali. Per il momento cerco di resistere, sperando che finisca presto. Perché, insomma, stare tutta la vita a dire solo no è dura.

  4. utente anonimo ha detto:

    Non ci trovo niente di male che giochino alle sfilate. Anche mio figlio che ha giudizi come le tue da un po' lavora troppo col nintendo. Lo so che non è bene, però non possiamo nemmeno diventare stalinisti alla rovescia. Se abbiamo trasmesso loro amore per la vita e la creatività lo conserveranno e autonomamente sceglieranno quella strada. Io ho avuto un mezzo figlio che da adolescente si era entusiasmato per i brokers e le modelle senza cervello, ma poi gli è passata. Basta aspettare, star loro vicino e mettere dei paletti perchè le deviazioni non siano eccessive.
    Giorgio

  5. benzinagricola ha detto:

    Una casa con bambini ma senza pleistescion e diavolerie tecnologiche simili? Wow. Complimenti. Tieni duro, ce la puoi fare.

  6. Parolechevolano ha detto:

    Già, mi associo a Benzina… Ma spiega, la tv l'avete proprio abolita? Perchè io sono anni che ci penso, ma poi mi faccio sempre fermare dai tg, da report, da l'infedele…

  7. LGO ha detto:

    @Giorgio: incrociamo le dita 😉
    Sperando che abbiano un po' di fortuna mentre cercano la loro strada, ché non tutti ce l'hanno. Io, per esempio, non l'ho avuta.

    @Benzina: Senza pleistescion. Però ci sono tre computer. Quattro, contando quello dei gormiti 😉

    @Parolechevolano (ciao!): No, la tv la abbiamo. Paghiamo anche il canone 😉 Io non la vedo mai, la sera lavoro. Il babbo, di rado,  si spalma davanti ai documentari di storia, o alle news, in inglese. I figli in genere il venerdi e il sabato sera hanno il permesso di vedere uno dei film o cartoni della loro collezione. Ma se dovessero trasmettere qualcosa di fondamentale, ecco, sapremmo come fare 🙂

  8. lanoisette ha detto:

    beh, l'importante è che non abbiano solo le sfilate di moda, come invece hanno molte loro coetanee. tieni duro.

  9. utente anonimo ha detto:

    Ce l'ho anch'io qual problema lì, allora quando Anita (13) mi ha detto che le sue compagne vogliono andare in pellegrinaggio da Abercrombie, ho commentato "che squallore! é da sfigate!"
    Lei mi ha risposto: "lo fanno tutte!"

    allora ho usato le parole di un fumetto di Disegni:
    "Mangiate cacca! 500 milioni di mosche lo fanno!"

    ciao extramamma

  10. LGO ha detto:

    @Extram: ma questa risposta è splendida! Me la devo assolutamente rivendere ;-))))

I commenti sono chiusi.