scarabocchi

Capita a volte anche a me, in classe, magari durante una spiegazione un po’ complessa, di accorgermi che qualcuno ha perso il filo e non segue. Finge di prendere appunti, ma dal movimento della penna si capisce che sul foglio invece di espressioni e formule nascono schizzi, profili, mostri dalla corazza durissima, esseri inquietanti con molti occhi e l’aria feroce.
Ci sono degli ottimi disegnatori in una delle mie classi.
Ma se si accorgono che li ho sgamati si vergognano, coprono in fretta i loro disegni e cercano di recuperare il filo.

Al vertice sui cambiamenti climatici ad un certo punto la discussione si è concentrata sugli aiuti da dare ai paesi più poveri. Qualche leader faceva conti.
Qualcun altro invece di fare conti scarabocchiava.
Disegnava mutande.
Ma non si è vergognato, no.
Anzi, ha passato fiero i suoi disegni in giro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a scarabocchi

  1. utente anonimo ha detto:

    Da molto tempo penso che al nostro premier  servirebbe un team di psichiatri, ma di quelli bravi…
    Giorgio

  2. LGO ha detto:

    Oh, magari! Anche se quelli bravi magari non avrebbero tanta voglia 😉

I commenti sono chiusi.