Troppo

Detto tra noi, i colloqui pomeridiani con le maestre dei nani ti uccidono la voglia di fare qualunque altra cosa.
Anche se non ti dicono nulla che non si sappia già, e a parte l’intolleranza serale in fondo le figlie siano niente male.

Magari però anche un’assemblea sindacale, in cui vieni a sapere alcuni dei retroscena più penosi della applicazione della (contro)riforma alla tua nuova scuola, ecco, non è che proprio ti metta su chissà quale entusiasmo per la vita.

Un’alternativa altrettanto deprimente è partecipare al primo consiglio di istituto della scuola dei bambini, e constatare che non esiste luogo in cui ci si possa parlare senza retropensieri più o meno squallidi.

Ma tutto in ventiquattro ore, francamente, è un po’ troppo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Troppo

  1. utente anonimo ha detto:

    Dalle mie parti sta girando la proposta di un corso per dirigenti scolastici in 10 incontri sui seguenti temi:

    l’ascolto attivo,
    la gestione della rabbia,
    la gestione dei conflitti con adolescenti e genitori.

    Se ti può interessare…

  2. LGO ha detto:

    @Giorgio: Grazie 🙂 Però non sono un dirigente scolastico…
    Io in realtà un corso l’ho anche fatto, non so con quali risultati. Comunque per fortuna a scuola sono una persona conciliante (insomma, ogni tanto mi arrabbio, ma succede di rado e sempre in privato): è più un problema di stanchezza fisica -nel caso dei colloqui con le maestre delle bambine, che per fortuna sono tutte persone splendide- o di depressione…

  3. lanoisette ha detto:

    sì, troppo davvero.

I commenti sono chiusi.