Sonno

Ieri, grazie ad una piccolissima lacerazione nel tessuto dello spaziotempo, mi sono ritrovata sul letto all’inizio del pomeriggio, e lì mi sono addormentata di schianto.
Mi sono svegliata nell’istante esatto in cui le ombre sparivano, lasciando il palazzo di fronte di un arancio grigiastro uniforme. Il tramonto.
E’ comparsa dal nulla una miriade di storni, un neurone si è stiracchiato balbettando qualcosa sui sistemi complessi, ma non ce l’ha fatta.
Avrei voluto dormire altri cento anni.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Sonno

  1. utente anonimo ha detto:

    E meno male che esistono queste lacerazioni spazio-temporali. Ce ve fossero di più.

    Mammamsterdam

  2. desian ha detto:

     Se non avessi usato un così alto linguaggio letterario, si sarebbe potuto pensare che tu sia stanca… 🙂

  3. LGO ha detto:

    @mammam: ce ne sono moltissime, porca miseria. Solo che la probabilità che portino dove vuoi è davvero bassa 😉

    @Desian: linguaggio letterario?? :PP  Non sono stanca, sono uno zombie :-(((

  4. emilystar ha detto:

    io ho sempre sofferto d’insonnia,ma ultimamente dormo dvunque…sarà la vecchiaia…..

  5. cautelosa ha detto:

    Quando ce vò…. ben venga anche il riposo pomeridiano!
    Ciao!

  6. lanoisette ha detto:

    uh, io ho smesso di fare pisolini all’età di due anni e mezzo, ma ultimamente, complice il Metallo, nei weekend in cui viene da me ci spariamo certe ronfe di piombo che… (è vero che la ronfa pare essere diretta conseguenza di ciò che si fa prima 😛 però, ecco, negli anni passati non mi capitava…)

  7. LaVostraProf ha detto:

    Oh, sì sì sì sì…
    Condivido.
    Da sempre, io.
    Non c’entra l’età.
    Anzi, aspetto con ansia quel momento in cui l’età mi impedirà di dormire sempre e ovunque. Sai quante cosa farò allora?

  8. utente anonimo ha detto:

    Nelle favole, se non sbaglio, dopo cento anni arriva il Principe Azzurro che ti sveglia con un delicatissimo bacio sulle labbra; nella realtà di solito arrivano prima i nani a portarti in dono strilli, pianti e moccolo…
    Ti auguro comunque tutto il riposo necessario.
    Giorgio, solidale.

  9. utente anonimo ha detto:

    Almeno a te  hanno lasciato dormire! e l’hai raccontato con grande eleganza 🙂
    Avevo provato anch’io ma mi è andata male, anzi malissimo…

    ciao extramamma

  10. BStevens ha detto:

    oh, che meraviglia!

I commenti sono chiusi.