Fratello gamberone

Entri, e anche se vedi la nave aliena ti sembra in tutto e per tutto un barcone di quelli che arrivano sulle nostre coste.
Ti chiedi cosa c’entra la fantascienza con la vita in un CPT che potrebbe essere a Lampedusa, ma anche a Roma.

Esci che ti senti in bocca quel sapore di ferro, e controlli se per caso qualche schizzo di sangue e fango non ti si è appiccicato sul giaccone.
Invece, ti è rimasto tutto dentro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Fratello gamberone

  1. LaVostraProf ha detto:

    Grande idea.
    Disorientamento iniziale, sai, quando vedi che sono anche i neri e gli extracomunitari che dicono: cacciamoli via, e ti chiedi chi?, chi?.
    Un film da vedere, dunque.

  2. benzinagricola ha detto:

    Quindi è un film da vedere? Lo sospettavo. Obbedisco.

  3. LGO ha detto:

    Bè, è un film (moderatamente) violento, ma non splatter. Premetto che ho avuto un’adolescenza (e anche una maturità, se è per questo) di passione per la fantascienza, anche se quella soft un po’ mi ha rotto. Ricordo negli ultimi dieci anni un solo libro da cui non riuscivo a staccare gli occhi, ed è di fantascienza 😉
    A me il film è piaciuto molto (anche al marito, vero marito?), certo non è che se ne esca rilassati e pieni di fiducia nel genere umano…

I commenti sono chiusi.