cronaca minima

Stamattina ho portato i nani al parco, che ogni tanto, anche se i genitori rischiano di affogare, i nani devono prendere aria lo stesso, oppure diamo tutti di matto.
G ha fatto un capriccio, ed è rimasta a casa.
Poco dopo essere arrivati, L ha cominciato a dire che doveva andare assolutamente in bagno.
E allora…..(squilli di trombe) … l’ho rimandata a casa da sola.
Era raggiante.

E poi è tornata, portandosi dietro anche la sorella, quella gialla, e le ho viste da lontano infilare di corsa l’ingresso del parco e correre velocissime fin dove io e il nano piccolo le stavamo aspettando (spero che non abbiano attraversato la strada in quel modo, in ogni caso per fortuna io non ho visto nulla).

E questo è tutto, perché ho sprizzato veleno da tutti i pori tutto il fine settimana e ancora ho le ghiandole velenifere sotto stress.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a cronaca minima

  1. utente anonimo ha detto:

    Brava, brave. La parola d’ordine è responsabilizzare, sennò altro che solo le ghiandole velenifere sotto stress.

    E quando crescono, comunque, è tutta un’altra vita.

  2. lanoisette ha detto:

    anche i nani crescono.

    sputa fuori il veleno qui nel blog, ché fa solo bene!

  3. utente anonimo ha detto:

    Responsabilizza, responsabilizza: mio figlio non vuole altro.

    Forse non potrai più chiamarli "nani" a lungo. Hai pensato a un altro termine?

    Giorgio

  4. RobertoilGrigio ha detto:

     Sei neurotossica o emotossica? Preferisci dare una morte veloce o lenta? :-)))))

I commenti sono chiusi.