Un idraulico mancato.

A che serve? È una domanda che in matematica non si deve porre.
Lo disse  una volta durante un’intervista il professore con cui seguii Analisi 2  all’università.
Presi dei bellissimi appunti sulla teoria della misura secondo Lebesgue, in quel corso. Purtroppo li ho prestati a suo tempo e non li ho più.
Ma si discuteva anche di bolle di sapone e altre dimensioni e topologia e arte.
Oggi e’ morto suo padre, che non ha fatto l’idraulico.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Un idraulico mancato.

  1. Naoh ha detto:

    Alla domanda “a che serve” la mia Prof. delle medie rispose: “io vengo pagata, per insegnarlo”. Grande.

  2. utente anonimo ha detto:

    Oggi sul Corriere c’è la storia dell’incidente e di Ghezzi, molto triste
    ciao extram

  3. LGO ha detto:

    @NaOH: sai che oggi in classe hanno fatto tutto da soli? una ragazza ha chiesto a cosa serviva spendere tanti soldi per fare certe ricerche, le hanno replicato che c’è gente che spende un sacco per comprarsi le mutande

    @extram: a me è piaciuto tanto quello stralcio di intervista lì, con la mamma e l’idraulico e gli emmeri, così lontano dalla prosopopea di tanti personaggi più o meno famosi…

  4. ultimoappello ha detto:

    Mai prestare gli appunti, anzi, mai prestare qualunque cosa. Una volta un’amica mi chiese “Per doppiarli!” diceva lei, l’intera discografia di un certo gruppo, e io fesso gliela diedi: la fanciulla scomparve nel nulla con tutti i miei dischi e io non la rividi, soprattutto, non rividi i miei dischi, mai più.

    °°_°°

  5. LGO ha detto:

    Argh! Non so se è peggio rinunciare ai dischi o agli appunti!!

I commenti sono chiusi.