ricominciamo

E così si ricomincia.
Si ricomincia con la riunione con le maestre del nano.
La mestra R fa grandi feste ai bambini, del resto hanno fatto tutti la materna con lei, uno dopo l’altra.
E poi  spiega che quest’anno l’ingresso della scuola dell’infanzia sarà posticipato di mezz’ora, perché ci sono meno collaboratori scolastici e bisognava riorganizzare, e poi no, progetti non se ne faranno, perché non ci sono soldi, e anche per il materiale scolastico ci sarà qualcosa in più da comprare, perché non è rimasto più nulla, e se volete l’educazione motoria ecco il modulo di richiesta, e il numero di conto corrente, e certo signora che quest’aula andrebbe ridipinta, ma lei crede che se non ci sono i soldi per la carta igienica ci siano per ridipingere le aul? forse signora lei finora non ha sentito nulla di quello che dicevamo, peccato, sembrava così partecipe. E le sedie per i bambini sì, sono più dell’anno passato, eh certo, ci sono tre bambini in più in classe, e che vuol dire se c’entrano? Ce li faremo entrare.
Ecco, a proposito, questa è la nuova maestra, la maestra M.  Viene da N, ridente cittadina a trecento chilometri da qui, fino all’anno scorso era utilizzata vicino a casa, ma quest’anno col taglio dei posti dovrà fare la pendolare, speriamo bene.
E comunque, come sapete quest’anno niente soldi dallo stato, no signora lo so che la scuola che dice lei ha ricevuto dei finanziamenti, ma quella è privata, lo sa no? Perciò questo è il numero di conto corrente della scuola, se volete contribuire con una donazione fate un po’ voi. Sì, certo, c’è anche il codice iban.

Per forza che siamo finiti in libreria, dopo.
Un affollato quartiere residenziale, un’estate caldissima, un vermiciattolo folle.
Il mondo reale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a ricominciamo

  1. Diamanteviola ha detto:

    Al’incirca è il discorso che verrà fatto da molte maestre all’inizio di…
    Noi siamo già pronte con il nostro, per informare i genitori di tutte le cose che NON potremo fare quest’anno.
    Ciao!

  2. loscorfano ha detto:

    Forse (ma ripeto: forse) qualcuno inizierà ad accorgersi sul serio di quel che sta accadendo. Qualcuna della mamme, intendo.

  3. lerinni ha detto:

    forse… ma non è neanche detto.

  4. LGO ha detto:

    Anche io sono piuttosto scettica. Magari una o due cambieranno idea, ma stringeranno i denti sperando di passare in fretta alle elementari. Illudendosi di essere più furbe nello scegliere la scuola o la sezione migliore (?), e via così.

  5. RobertoilGrigio ha detto:

    Siete delle catastrofiste incallite (voi mamme). Non hai sentito Mary* “sarà un anno meraviglioso” e voi lì a dipingere tutto di nero … :-))

  6. Naoh ha detto:

    Ne dubito. Coglierà solo chi aveva già colto. E ha fatto tutte le sue belle manifestazioni e s’è le presa nei denti, come sempre. Bastasse la visione della realtà, per spostare voti, sarebbe già successo, no?
    Mi fa una rabbia, mi fa, avere una Bibi che si affaccia alla scuola e si trova in questo reflusso.

  7. utente anonimo ha detto:

    Ma chi volete che si accorga che la scuola è allo sfascio completo?!..
    D’altra parte, l’esito delle votazioni parla più che chiaramente!…
    Non sentite anche voi un’aria da “tutto va ben, madama la marchesa”?
    Elena

  8. utente anonimo ha detto:

    Voglio essere leggera: e in libreria cosa avete comprato di bello?

    Così per bilanciare la sfiga? il diario di anna frank?
    ciao extramamma

  9. LGO ha detto:

    @grigio: giusto. Ottimismo ci vuole. Sarà un anno meraviglioso.

    @NaOH: Sì, sarebbe già successo. Io vado sempre a leggermi i commenti su IlGiornale on line, tanto per non perdere di vista come la pensano i miei connazionali. E chi non vuole vedere non vede.

    @Marsilly: Coraggio!

    @Elena: (benvenuta) Tutto va ben, certo. Forte e chiaro.

    @Extramamma: Real Word (Un affollato quartiere residenziale, un’estate caldissima, un vermiciattolo folle) di Natsuo Kirino. Sai quando devi per forza continuare a leggere sempre lo stesso scrittore? Anche se a me capita in genere con le donne. Sì, tu lo sai 😉

  10. lanoisette ha detto:

    cioè, son messi male anche alle materne? andiamo bene…

  11. LGO ha detto:

    Nocciolina, credevi di avere l’esclusiva? Meglio cominciare prima possibile, no?
    Lì se vogliamo è anche peggio, perché nessuno -dico nessuno- si aspetta che la scuola dell’infanzia sia qualcosa di diverso da un infant parking. Purché la creatura sia fuori dalle balle il più possibile, va tutto bene.

I commenti sono chiusi.